spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il direttore delle Gallerie degli Uffizi, Eike Schmidt, in visita alla mostra “Jacopo Vignali a San Casciano”

    Considerato l'interesse per l'evento, che sta registrando centinaia di visitatori, annunciata la decisione di prorogare la mostra fino al 26 febbraio 2023

    SAN CASCIANO – Per la bellissima mostra “Jacopo Vignali a San Casciano. Dipinti dalle Gallerie degli Uffizi in ricordo di Carlo del Bravo”, allestita negli spazi del museo Giuliano Ghelli e nella chiesa Santa Maria sul Prato di San Casciano, non è ancora arrivato il momento di chiudere i battenti.

    Esattamente come per il giovane dipinto dall’artista fiorentino in una delle opere più affascinanti dell’allestimento, curato da Lorenzo Gnocchi e Donatella Pegazzano, “La gioventù sorpresa dalla morte” realizzata nel 1625, non è giunto il momento di passare ad altra vita.

    È stato il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt, in visita alla mostra, promossa dal Comune di San Casciano e inserita nel progetto Terre degli Uffizi, ideata e realizzata dalle Gallerie degli Uffizi e Fondazione CR Firenze, all’interno delle rispettive iniziative Uffizi Diffusi e Piccoli Grandi Musei, ad annunciare la proroga dell’evento espositivo fino al 26 febbraio 2023.

    La mostra, aperta dal 1 ottobre, avrebbe dovuto chiudere l’8 gennaio 2023.

    “Una mostra davvero affascinante dedicata ad uno dei protagonisti del Seicento fiorentino che si qualifica per le tante novità scientifiche proposte – ha commentato il direttore – il successo dell’evento, attestato dai numeri dei visitatori, ci ha indotto ad estendere l’opportunità di ammirare e conoscere le opere esposte a San Casciano”.

    Ad accompagnare il direttore Eike Schmidt tra le sale del museo Ghelli, nel cuore storico di San Casciano, sono stati il sindaco Roberto Ciappi, l’assessore alla cultura Maura Masini, la direttrice del museo, nonché coordinatrice del Sistema museale Chianti Valdarno, Nicoletta Matteuzzi, il responsabile dell’ufficio cultura del Comune sancascianese Leonardo Baldini.

    La mostra, dedicata al pittore della malinconia e dei sentimenti, è articolata in due sezioni.

    La prima, a tema allegorico, ospita alcuni dipinti provenienti dalle Gallerie degli Uffizi come “Il Flautista”, “Cristo coronato di spine”, “La gioventù sorpresa dalla morte” di Jacopo Vignali, e lo “Zefiro del volterrano” e il “Pastore con zampogna” di Cesare Dandini.

    Nell’altra sono esposti alcuni dipinti a tema sacro, in prestito da altre istituzioni, come la presentazione di “Maria al tempio” del Vignali e “l’Immacolata concezione” di Francesco Curradi.

    In questa seconda sezione è esposto anche un inedito di Jacopo Vignali, la tela-tabernacolo “Madonna del Rosario”, proveniente dalla chiesa di San Lorenzo a Castelbonsi nei pressi di San Casciano, un’opera presentata per la prima volta al pubblico.

    Altra opera degna di nota è “Suor Domenica del Paradiso implora la Madonna per la liberazione di Firenze dalla peste”, dipinto eseguito nel 1631.

    La mostra si lega al territorio anche per il ricordo dedicato allo storico dell’arte sancascianese Carlo del Bravo, il primo studioso e appassionato dell’artista seicentesco, che collezionò un’ingente collezione donata proprio a Le Gallerie degli Uffizi.

    “Una mostra che dà prestigio a tutto il territorio comunale – commenta il sindaco Roberto Ciappi – l’opportunità di apprezzare uno dei più importanti artisti del diciassettesimo secolo si fonde all’omaggio storico-artistico che dedichiamo alla figura e all’opera culturale intrapresa e realizzata dal professor Carlo del Bravo, studioso appassionato di Jacopo Vignali, che si adoperò perché la sua collezione venisse goduta dalla cittadinanza sancascianese. Dunque un sentito ringraziamento alle Gallerie degli Uffizi e alla Fondazione CR Firenze che ci offrono la possibilità di continuare a tenere aperto questo straordinario allestimento che riempie di orgoglio tutta la nostra comunità”.

    Sono tanti i motivi per cui vale la pena visitare questa mostra e se si volesse accogliere il suggerimento del direttore Eike Schmidt potremmo far tesoro di queste parole: “Tra le opere che maggiormente mi colpiscono ci sono quelle provenienti dal territorio, a tema sacro, che in altre occasioni sarebbe difficile ammirare. E l’opera che raffigura il dialogo simbolico tra il giovane energico e la morte ilare che provoca il ragazzo, un’iconografia che sta conquistando anche tante famiglie ed in particolare i piccoli visitatori del museo Giuliano Ghelli di San Casciano”.

    Info: Museo Giuliano Ghelli, via Lucardesi 6, via Roma, 37, San Casciano 0558256385.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...