spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 4 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Per capire come migliorare la sicurezza: è il risultato dell’incontro con il sindaco

    SAN VINCENZO A TORRI (SCANDICCI) – Tantissime persone mercoledì 17 settembre al circolo Mcl di San Vincenzo a Torri, dove è arrivato il sindaco di Scandicci Sandro Fallani (accompagnato dal comandante della polizia municipale e dall'assessore Barbara Lombardini) per parlare della sicurezza sulla via Empolese.

     

    Il paese, ormai sul piede di guerra dopo la tragica morte del 17enne sancascianese Francesco Ciappi, chiede infatti interventi per una maggior sicurezza di un borgo di case attraversato da una "lingua d'asfalto" che negli anni ha visto tanti, troppi incidenti.

     

    "Ci sono stati spiegati in maniera dettagliata i possibili interventi da poter attuare – dicono i residenti – Il sindaco non ci ha dato una data certa, però ci sono stati lasciati i recapiti telefonici degli addetti al nostro problema".

     

    "Oggi – proseguono – Provincia e Comune di Scandicci si incontreranno a San Vincenzo per un sopralluogo: stasera telefoneremo agli assessori per sentire ciò che la Provincia, essendo la responsabile della strada, ha pattuito con loro sulle eventuali soluzioni in materia di messa in sicurezza".

     

    "Ci hanno chiesto di seguirli e lo faremo – promettono i residenti – Saremo la loro… spina nel fianco. La riunione si è svolta bene: il risultato delle richieste potremo valutarlo dopo questo pomeriggio. Se nulla verrà nuovamente fatto siamo pronti a battagliare".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...