spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 25 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I consiglieri di opposizione chiedono informazioni sulle feste che si svolgono nel parco da giugno a settembre

    SAN CASCIANO – Un'interrogazione che potrebbe essere discussa già nel consiglio comunale di lunedì 30 settembre, presentata dal gruppo consiliare del Pdl, e che chiede di far luce sulla eccessiva rumorosità del Parco del Poggione.

     

    I tre consiglieri comunali (Maria Teresa Lumachi, Enrico Farina, Alessandro Simoncini), partono dalla considerazione secondo cui "il Parco “Dante Tacci” del Poggione, ordinariamente destinato a parcheggio per camper, nel periodo 15 giugno-15 settembre di ogni anno diventa sede di spettacoli e manifestazioni all’aperto e, di fatto, vi si svolgono attività a carattere continuativo con emissioni rumorose spesso oltre i  limiti sonori e l’orario consentito e che tale fatto si ripete ormai da diversi anni ogni estate".

     

    "Tale situazione – proseguono – ha portato alla raccolta di numerose firme, negli scorsi anni, a sostegno delle proteste più e più volte verbalmente rivolte all’amministrazione dai cittadini residenti intorno a tale area, che si trova in zona residenziale e, comunque, centrale rispetto all’abitato del capoluogo, nonché ad una segnalazione al difensore civico, fino a sfociare, la scorsa estate, in una vera e propria querela contro ignoti".

     

    "Il regolamento citato – evidenziano – prevede che a provvedere ai controlli sui limiti di rumorosità e di orario sia la polizia municipale che si può avvalere del supporto tecnico dell’Arpat".

     

    Situazione tesa quindi, visto che intorno al Poggione la concentrazione di abitazione è davvro significativa. Nell'interrogazione i consiglieri comunali del Pdl chiedono "quante autorizzazioni in deroga, distinte fra semplificate ed ordinarie e per quali limiti di emissioni ed orari siano state concesse dall’amministrazione nel corso degli ultimi tre anni, corredate, ove previsto, dal parere dell’Asl competente e dalla motivazione da parte del richiedente che giustifichi la richiesta della deroga (così come previsto dal regolamento citato); di tali dati chiediamo la fornitura di un prospetto scritto".

     

    Inoltre, "l’indicazione dei soggetti deputati al controllo presenti in servizio e/o reperibili durante il periodo di svolgimento delle manifestazioni per l’attuazione dei controlli indicati nel regolamento e l’eventuale applicazione delle sanzioni ivi previste in caso di mancato rispetto delle regole".

     

    Infine "quali provvedimenti l’amministrazione intenda adottare affinché in futuro non si ripetano situazioni come quelle verificatesi e sia assicurato il diritto alla quiete ed al riposo dei cittadini".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...