spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La biblioteca comunale di San Casciano riapre sale studio, postazioni internet e sale bimbi

    L’assessore alla cultura Maura Masini: “La nostra biblioteca torna a vivere in tutte le sue funzioni ma rispettiamo le regole per poterne fruire con responsabilità”

    SAN CASCIANO – La biblioteca comunale di San Casciano ha riaperto tutti i servizi indicando le modalità di accesso in un apposito regolamento.

    Da qualche giorno l’accesso è consentito anche alle sale studio, alla sala bambini, all’emeroteca e alle postazioni internet, oltre al servizio di prestito consultazione che era già attivo dal mese di giugno.

    I cittadini possono entrare e accedere agli scaffali e sfogliare i libri, purché si rispettino le misure di sicurezza anti Covid.

    “La nostra biblioteca torna a vivere in tutte le sue funzioni – dichiara l’assessore alla cultura Maura Masini – ma raccomandiamo ai cittadini la massima attenzione nell’applicazione delle linee guida del governo sulla sicurezza – cerchiamo di tollerare il più possibile adeguandoci alle necessarie azioni di prevenzione e tutela della salute pubblica, è uno sforzo importante che dobbiamo mettere in atto responsabilmente per evitare un peggioramento del contagio”.

    L’assessore Masini ricorda che “occorre adottare la distanza interpersonale di sicurezza di 1 metro, per tutto il periodo di permanenza nell’edificio, igienizzare le mani con le apposite soluzioni disinfettanti poste all’ingresso e all’interno della biblioteca e indossare obbligatoriamente la mascherina”.

    Si può tornare a studiare in biblioteca ma, considerato il permanere della situazione di emergenza, il numero dei posti a disposizione nelle sale è limitato ad un massimo di 22 utenti e le postazioni sono numerate e distanziate fra di loro.

    È possibile accedere al servizio esclusivamente su prenotazione, da effettuarsi inviando una mail a biblioteca@comune.san-casciano-valdi-pesa.fi.it entro il giorno precedente, oppure telefonando al numero 0558256380, oppure direttamente in biblioteca.

    Le postazioni prenotate sono personali e non possono essere cambiate con altri utenti. Come per le sale studio, anche per le postazioni internet, ridotte a 2, occorre effettuare la prenotazione. E’ possibile usufruire delle postazioni sul momento se libere. E’ sempre attivo il servizio di Wi-Fi tramite iscrizione da effettuarsi in biblioteca.

    Quanto ai servizi, il prestito può essere effettuato dopo aver sfogliato e selezionato i libri tra gli scaffali. Con i volumi scelti sarà consegnato un vademecum per il corretto trattamento del materiale.

    Se i cittadini hanno bisogno di restituire i documenti non è necessario entrare in biblioteca, si può utilizzare l’apposito box esterno anche quando la biblioteca è chiusa.

    E’ comunque disponibile un contenitore all’interno della biblioteca dove è possibile restituire i materiali. Anche il prestito interbibliotecario è stato riattivato, al momento con due gite alla settimana, il martedì e il giovedì.

    Il bibliotecario Marco Rossetti ricorda inoltre che “è possibile usufruire di Medialibrary on line, un portale con funzioni di vera e propria biblioteca digitale che consente di accedere via internet, da qualunque luogo e gratuitamente, a quotidiani, riviste, e-book, musica, banche dati, film, immagini, audiolibri, corsi a distanza”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...