spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La Mandragola di Machiavelli diventa “Il Badalucco”: e sale (fra gli applausi) sul palco del Niccolini

    Divertimento, riflessione e beneficenza venerdì 1 aprile con la Compagnia Lavori in Corso SCVP: si replica oggi pomeriggio al Teatro Everest

    SAN CASCIANO – L’effetto è stato quello di tornare a socializzare, a divertirsi, a ridere, ma sempre attenti alle regole anti-Covid.

    Così il pubblico seduto in sala e nei palchi del Teatro Comunale Niccolini, venerdì 1 aprile per una sera ha spento la televisione per godersi una commedia brillante in due atti, messa in scena dalla Compagnia Lavori in Corso SCVP, con il patrocinio del comune di San Casciano.

    “Il Badalucco” è un libero adattamento de “La Mandragola” di Niccolò Machiavelli, grazie alla regia di Roberta Tassini.

    Uno spettacolo che nasce in piena pandemia, in un momento in cui siamo rimasti relegati nelle nostre case e nelle loro vicinanze, avvolti dalla paura, dalla solitudine e dalla tristezza.

    Allora come non pensare alla circostanza in cui anche Niccolò Machiavelli, nel 1500, nella vicina Sant’Andrea in Percussina, si trovò “imprigionato” in un forzato esilio.

    Anche lui ebbe il desiderio e la speranza di “far il suo tristo tempo più soave”: ed ecco che in quel particolare stato del suo animo, prese a scrivere “La Mandragola”.

    “Il Badalucco”, inteso come trastullo e passatempo dal Machiavelli, vuole essere un mezzo di conforto e sollievo.

    Ecco allora che questa commedia vuole farci riflettere sui valori della famiglia, della morale privata, della religione, mettendo in evidenza le debolezze che accompagnano la vita dell’uomo.

    “Il Badalucco” è ambientato in una piazza di Firenze nel 1922. Callicamo è innamorato di Lucrezia, moglie del dottor Nicia. Con l’aiuto del domestico Siro, di Donna Liguria, personaggio senza scrupoli, passando per gli altri personaggi che ruotano nella vicenda, Callimaco, in veste di dottore illuminare, riesce a convincere il dottor Nicia, che l’unico modo per avere un figlio, sia quello di far bere a sua moglie uno sciroppo di Mandragola… .

    Tutto questo, oltre al divertimento, ha un nobile fine: la prima al Teatro Niccolini è stata a favore del progetto “Personae”, della Compagnia XE di Julie Ann Anzilotti, che porta avanti da venti anni un percorso di teatro danza dedicato a giovani e adulti diversamente abili del territorio.

    Erano presenti in teatro il sindaco di San Casciano Roberto Ciappi, l’assessore Maura Masini e la stassa Julie Ann Anzilotti.

    “Abbiamo voluto sostenere il progetto della consapevolezza – ha detto la regista Roberta Tassini – nella certezza del valore del teatro, della danza, della musica. Soprattutto in questo particolare periodo storico, nel quale la società si è dovuta fermare, i rapporti interpersonali si sono ridotti o addirittura scomparsi. E in particolare i più fragili hanno subito maggiore difficoltà”.

    “Ringraziamo il sindaco e la giunta comunale – ha tenuto a dire – che ci hanno permesso di debuttare nel Teatro Niccolini; un grazie all’Arci e l’Acli che ci hanno dato in uso le loro stanze per le prove e a tutti gli spettatori”.

    Dunque oggi, domenica 3 aprile, la replica al Cinema Teatro Everest alle 17: la serata è in questo caso a sostegno del Centro d’Ascolto Caritas della parrocchia di San Casciano. 

    “Il Badalucco”, Compagnia Lavori in Corso SCVP

    Nicia, Marco Frosali

    Liguria, Roberta Tassini

    Sostrata, Roberta Passaseo

    Lucrezia, Sonia Pestelli

    Amalia, Andreina Farina

    Callicamo, Alessandro Cafaggi

    Padre Timoteo, Nicola Salvini

    Didima, Luana Losi

    Siro, Franco Pasqualetti

    Ersilia, Simonetta Farina

    Pianoforte, Sabrina Pasqualetti

    Violino, Massimo Nesi

    Chitarra, Stefano Sarti

    Percussioni, Sara Salvini

    Voci, Leonardo Chiarini, Sara Salvini

    Luci e fonica, Adriano Fusi, Leonardo Chiarini

    Ideazione scenica, Roberta Tassini

    Oggetti di scena, Alessandro Cafaggi, Roberta Passaseo, Caffè Vittorio

    Sarta, Maurizia Ferrucci

    Costumi, Lavori in Corso

    Trucco e parrucco, Syreneuse, Miriam Moda

    Acconciature, Immagine Capelli

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...