spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La moda e i social vissuti in modo serio e genuino: la storia di Romina Fontanelli, da San Casciano

    Lavora per una multinazionale dell'abbigliamento, ma ha anche oltre 45mila follower su Instagram: l'abbiamo incontrata, e abbiamo scoperto che non è la "tipica" fashion blogger...

    SAN CASCIANO – La sancascianese Romina Fontanelli fa… la fashion blogger. “Ma a me non piace definirmi. Faccio semplicemente ciò che mi piace. Non mi sento assolutamente nessuno”, tiene a precisare, con l’umiltà e la semplicità che la contraddistinguono.

    Classe 1988, Romina ha studiato moda e costume all’Istituto d’arte. Da tredici anni lavora in una multinazionale di abbigliamento in centro a Firenze.

    E, per caso (ma neanche troppo, considerando la sua formazione e la sua passione per la moda), si è fatta (meritatamente) largo nel mondo digitale.

    Romina è una fashion blogger un po’… atipica: “La notorietà non mi fa impazzire: mi è capitato di essere fermata per strada, ma mi vergogno quando succede”, ci rivela.

    E poi: “Da un lato mi piace quello che faccio, ma dall’altro ci sono molte cose che non apprezzo: c’è tanta gente che ci lucra o che si sente chissà chi… . Lo so, sono una contraddizione vivente: un po’ bianco e un po’ nero”.

    “Mi fa piacere quando mi dicono che non sono la solita blogger che posta la foto perfetta. In giro si vedono tanti, troppi stereotipi. Sono orgogliosa di mantenere una mia linea e una mia etica”, iniziamo a conoscerla e… ad apprezzarla.

    Originaria di Mercatale, da tre anni e mezzo vive a San Casciano insieme a Tommaso, suo fidanzato e futuro marito (si sposeranno a giugno del 2022): “Sono felice di vivere dove vivo, sono legata al mio paese: non lo cambierei con nessun posto al mondo”.

    Segno zodiacale leone, Romina è solare e frizzante e ama stare a contatto con la gente. Dice di avere “un caratterino bello tosto”, però le amiche la definiscono “un can che abbaia ma non morde”.

    E, in effetti, lo ammette: “Sono buonissima, trovo sempre il modo di perdonare chi mi ha fatto del male. E questo è un pregio… e un difetto”.

    Ma com’è che il destino l’ha messa davanti alla carriera da influencer? “Un giorno, quattro anni fa, mentre stavo prendendo un caffè al bar prima di andare a lavoro – ci racconta – ho avuto la fortuna di incontrare la manager di un famoso brand che mi ha chiesto se fossi disposta a fare delle foto per il suo marchio”.

    “Sono una persona normalissima, non sono una modella – ci tiene a specificare – Alla manager piacque come ero vestita”.

    “Dalla pubblicazione degli scatti sulla pagina Instagram di questo brand, i miei followers sono aumentati (la trovate qui su Instagram) – prosegue – Così ho iniziato a pubblicare sempre più spesso, sempre più look”.

    Siamo curiosi di sapere come la sua famiglia abbia preso la sua scelta di vita: “A volte i miei genitori mi hanno messo un freno, perché sono molto istintiva, ma hanno capito che so cosa faccio. Tommaso, il mio fidanzato, all’inizio aveva qualche difficoltà, perché è più timido di me, mentre adesso mi sostiene in tutto e per tutto e… è diventato social anche lui!”, ci risponde.

    Romina ha avuto modo di pubblicizzare marchi importanti, ma… “a me piace sponsorizzare anche le persone della zona, chi parte da zero, e soprattutto il made in Italy: è un peccato che si stia perdendo la produzione italiana, è triste veder chiudere le storiche botteghe artigiane di Firenze”, commenta.

    Nel lockdown un’ulteriore, grandissima soddisfazione per Romina: “Con Sara, mia cara amica e collega, abbiamo lanciato un brand di cappelli: acquistiamo la base, di vari colori, e a mano la “customizziamo” con nappe, trecce, passamanerie…”.

    Nonostante la cosa sia “partita come uno scherzo” (ci dice), sta andando davvero bene: i loro cappelli, oltre che sulle loro pagine Instagram, sono venduti in tantissimi negozi in tutta Italia. E le due ragazze stanno mettendo su un’azienda per incrementare la produzione.

    “Non ce lo aspettavamo minimamente – si emoziona – Siamo contentissime. E ci riteniamo molto fortunate del fatto che, in un momento così difficile, abbiamo la possibilità di lavorare”.

    Il successo, probabilmente, è legato al fatto che le due ragazze – pur partendo dalle tendenze di stagione che, visto il negozio dove lavorano, hanno sempre sott’occhio – realizzano capi originali. Considerabili quasi pezzi unici, in quanto handmade.

    E qual è il rapporto di Romina con i suoi ben 45mila follower? “Mi chiedono anche dei consigli personali, oltre a quelli di stile. E a me fa piacere rispondere. Mi piace conoscere le persone”.

    Visto che ci siamo, ne approfittiamo per chiederle qualcosa anche noi. “I must have dell’estate? – ci risponde super preparata – Il tie dye, i colori pastello, lo zebrato, la stampa bandana e il crochet”.

    Concludiamo domandandole quale sia il suo sogno: “Creare una famiglia come quella che ho avuto io. E portare avanti il brand, che spero diventi il lavoro della mia vita”.

    E noi glielo auguriamo di cuore.

    Con l’amica Sara ha iniziato un progetto sui… cappelli

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua