spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La storia ci arriva direttamente… dalla Limonaia di Villa Poggio Torselli

    SAN CASCIANO – Le rondini hanno lasciato i loro nidi: la notizia è scontata, ma abbiamo ricevuto un paio di segnalazioni di un particolare gesto di riguardo verso questi esemplari che sembra siano sempre meno a nidificare nel nostro paese.

     

    Ma per aiutarle c’è chi ha addirittura fermato i lavori di manutenzione all’interno di una limonaia quando queste sono arrivate, per consentire la loro riproduzione: si tratta di un gesto nobile da parte di Gianfranco Luzzetti, amministratore della splendida Villa Poggio Torselli, in via Scopeti.

     

    "Questa Villa oggi monumento nazionale – ci spiega Luzzetti – oltre al suo fascino, le sue opere d’arte, la sua storia che ha visto qui anche la sosta di un Papa, Pio VII, e un imperatore di Russia, Paolo I, la definirei anche un’oasi naturale".

     

    "E’ vero – conferma – ho fermato i lavori all’interno dell’antica limonaia per permettere alle rondini di riprendersi i loro nidi. Sono tante, ma lo spazio non gli manca, qui intorno alla Villa trovano un habitat consono a loro anche riguardo alla nutrizione, perché non adoperiamo assolutamente nessun pesticida. Trovano l’acqua che sgorga da una sorgente: insomma passano qui i loro mesi a Villa Poggio Torselli come fosse un'oasi".

     

    "Il momento più triste – dice Luzzetti – per me è quando arriva il giorno della loro partenza".

     

    E i lavori ripartiranno? "Quando l’ultima rondine lascerà il suo nido – promette – solo allora!".

     

    Ma nella Villa ci sono tanti altri "ospiti": nel parco si possono incontrare gli scoiattoli, piccoli cuccioli di capriolo e naturalmente, nel loro periodo, un “esercito” di lucciole che illuminano il territorio. Tante quante sono le stelle in cielo. 

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...