spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Teatro Niccolini stracolmo per il sabato pomeriggio con il professor Gastone Breccia

    SAN CASCIANO – Quarta lezione al Teatro Niccolini e quarto… "sold out" per il teatro dove tutti i sabati (fino al 14 dicembre), alle 17.30 (ingresso gratuito) si svolgono lezioni sull’uomo e sulla politica di Niccolò Machiavelli in occasione de "L’anno del Principe”, ovvero il cinquecentenario dalla scrittura del suo lavoro più consociuto.

     

    Sabato 9 novembre è stata la volta di Gastone Breccia, insegnante di Storia bizantina all’Università di Pavia, e la lezione è stata seguita con interesse, come d'altronde succede ormai dal primo incontro del 19 ottobre. Sabato 9 novembre sono arrivati addirittura con un pullman da Bologna.

     

    La lezione di Gastone Breccia ha avuto come tema "Le armi del Principe". Per sconfiggere le truppe mercenarie Machiavelli propose infatti il ritorno ad un esercito di cittadini, un modello organizzativo che aveva reso grande Roma: un’idea anacronistica che avrebbe dovuto però aprire la strada alla possibilità di riscossa dell’Italia.

     

    Tutti gli incontri sono stati realizzati grazie a Regione Toscana, Provincia di Firenze, Comune di San Casciano in Val di Pesa, Editori Laterza e gli sponsor ChiantiBanca, toscana energia.

     

    Prossimo appuntamento è per sabato 16 novembre alle 17.30 con Carlo Ossola e la sua lezione "Il Principe e il Cortegiano". Ingresso libero fino ad esaurimento posti.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...