spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lezioni-concerto al circolo Arci di San Casciano: dopo lo stop 2020 torna “Condividere la Musica”

    Tre incontri divulgativi che affronteranno tematiche eterogenee: il mercoledì sera alle 21.30 nella sala polivalente del circolo. Dal 23 giugno

    SAN CASCIANO – Dopo lo stop del 2020, torna (alla casa del popolo di San Casciano) la terza edizione della rassegna di lezioni-concerto “Condividere la Musica”.

    Tre incontri divulgativi che affronteranno tematiche eterogenee: dal dualismo interiore di R. Schumann, alla suggestiva musica impressionista, ad un excursus sull’evoluzione delle forme di danza nella letteratura strumentale.

    Gli incontri saranno tenuti il mercoledì sera alle 21.30 nella sala polivalente del circolo Arci di San Casciano. Informazioni e prenotazioni 3311042943 associazioneilmagnifico@gmail.com.

    • Mercoledì 23 giugno, ore 21.30 – “Kreisleriana, tra letteratura e dualismo interiore” – musiche di R. Schumann con Leonardo Ruggiero (pianoforte)

    • Mercoledì 7 luglio, ore 21.30 – “Quando la musica diventa colore” – musiche di F. Liszt, C. Debussy, M. Ravel con Leonardo Ruggiero (pianoforte)

    • Mercoledì 14 luglio, ore 21.30 – “A passo di danza” – musiche di J. S. Bach, F. Liszt/C. Gounod, A. Piazzolla con Leonardo Ruggiero (pianoforte) e Andrea Sernesi (violoncello)

    Gli eventi sono realizzati con il patrocinio e il contributo del Comune di San Casciano e la collaborazione del circolo Arci e dell’Accademia Musicale di San Casciano.

    Locandina CLM2021

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...