spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 29 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un Gruppo di Cattolici di Mercatale scrive alcune righe in ricordo dei soldati che persero la vita

    MERCATALE (SAN CASCIANO) – In occasione del 69° Anniversario della Liberazione dall’invasione delle truppe dei soldati tedeschi, che portarono lutti e distruzioni, un Gruppo di Cattolici di Mercatale ha inviato a Il Gazzettino del Chianti un ricordo di quei giorni: un ricordo di quei soldati che sacrificarono la loro vita lontano dalle loro terre, dei quali dobbiamo un doveroso ricordo.
     

    "Nel 69° Anniversario della Liberazione di Mercatale avvenuta la mattina del 27 luglio 1944 vogliamo ricordare il sacrificio dei soldati Sudafricani della 6° Divisione Corrazzata che da Radda in Chianti sulla direttrice Panzano Mercatale, si immolarono per la Liberazione di queste terre. 

     

    Vogliamo ricordare specificatamente i soldati de Battaglione ILH/KimR (1° Battaglione "The Imperial Light Horse-Kimberley Regiment)  e in special luogo la pattuglia della Compagnia "A" che per primi arrivarono in piazza Vittorio Veneto alle ore 02.00 del 27 Luglio 1944 in perlustrazione.

     

    Erano il Tenente Adamson, Sergente Jack Smarterton-Smith, Caporale Arnolf Foyne, George Stanford e Putter. La stessa pattuglia fu la prima a raggiungere l'Arno al Ponte Santa Trinita.

     

    La stessa pattuglia era già entrata per prima in altre località compresa anche Lucignano. Alle Ore 09.00 i carri dello Squadrone "C" del Battaglione SSB (Special Service Battallion) al Comando del Capitano Craib riceve l'ordine di conquistare Mercatale; alle 09.30 i carri si dispongono nella piazza principale per poi raggiungere Luiano e il Ponte di Cappello alle Ore 11,00".
     

    Un Gruppo di Cattolici di Mercatale

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...