spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 21 Febbraio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Immortalati dalle telecamere. Il 18 aprile incontro informativo con i cittadini

    CLICCA QUI PER VEDERE IL VIDEO DEI LUPI A SAN PANCRAZIO

     

    "E' accertato: il lupo ha raggiunto le colline di San Casciano e potrà creare conflitti con gli allevamenti, specie quelli ovini, ma non esiste alcun pericolo per i cacciatori, gli escursionisti e chi fruisce e vive il bosco in maniera autonoma".

     

    Sono le parole di alcuni degli esperti che giovedì 18 aprile alle ore 21 presso il Circolo Reduci e Combattenti di San Pancrazio affronteranno il tema "Lupi a San Casciano", in occasione di un incontro pubblico organizzato dal Comune e dalla Provincia di Firenze.

     

    Al centro della serata una questione complessa e molto sentita dagli agricoltori "nel corso della quale – spiega il sindaco Massimiliano Pescini – cercheremo di dare informazioni corrette ed equilibrate sulla presenza dei lupi nel nostro territorio, sul conflitto da loro causato rispetto agli allevamenti e alle attività agricole; l'obiettivo è anche quello di esaminare strategie, forme di prevenzione, prospettive e possibili convivenze a tutela e sostegno delle attività zootecniche".

     

    L'incontro si avvarrà dei contributi degli assessori provinciali Pietro Roselli (agricoltura) e Renzo Crescioli (ambiente), del tecnico faunistico Duccio Berzi e del fotografo naturalista Tommaso Nuti. Ovvero colui che con passione e pazienza li ha immortalati. Li vedete nella foto e, soprattutto, nel video pubblicato in esclusiva dal Gazzettino (clicca qui).

     

    Oltre alle segnalazioni pervenute dagli agricoltori, da più parti del Chianti, è stato infatti un recente filmato di Tommaso Nuti, fotografo naturalista di San Casciano, ad aver attestato il passaggio di una coppia di lupi appenninici in atteggiamento di caccia nell'area di Santa Cristina in Salivolpe, nei pressi di San Pancrazio.

     

    Coda folta, testa voluminosa e pelo grigio caratterizzato da striature nere: questa l'immagine dei canidi che è emersa dalla fototrappola, l'apparecchiatura ad infrarossi installata dal fotografo che sta collaborando con Duccio Berzi, tecnico faunistico, impegnato da anni a seguire le dinamiche del lupo nel territorio della Provincia.

     

    "Già a febbraio avevo individuato – racconta Nuti – escrementi di lupo nei nostri boschi ma la certezza è arrivata con il video realizzato lo scorso mese che mostra due lupi alla ricerca di cibo".

     

    E' da questo documento che è scattata la necessità di informare correttamente la popolazione sui ruoli divergenti che il lupo svolge nell'ambiente e in rapporto con l'uomo e gli animali che popolano il Chianti. Appuntamento giovedì 18 aprile a San Pancrazio.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...