spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Uno spettacolo davvero particolare quello che abbiamo vissuto nei luoghi de “Il Principe”

    SANT'ANDREA IN PERCUSSINA (SAN CASCIANO) –  Il fantasma di Niccolò Machiavelli è tornato a rivivere nella sua villa dove ha trascorso l’esilio a Sant’Andrea in Percussina.

     

    Tutto questo grazie allo spettacolo che “Il Teatro dell’Inutile” a messo in scena “Machiavellicamenti” in collaborazione con l’associazione “Sgabuzzini Storici”, il Comune di San Casciano e il Gruppo Italiano Vini. Il testo è stato scritto da Luigi Pignalosa mentre la regia è firmata da Daniele Torrini.

     

    Uno spettacolo piacevole che grazie alla professionalità dei giovani attori Marco Bartolini, Giorgio della Pergola, Lorenzo Bolognesi, Luisi di Valvasone, Daniele Torrini, costumi di Cosimo Alcarese, hanno incantato il pubblico presentando magistralmente “Machiavellicamenti” spostandosi in tre locali della dimora, due sale per poi finire nella cantina, interagendo con il pubblico che alla fine ha salutato gli attori con un caloroso applauso.

     

    Soddisfatta anche Chiara Molducci, assessore alla pubblica istruzione e cultura, che alla fine è andata a stringere la mano a tutto lo staff. Visto il grande successo di pubblico, non è escluso che lo spettacolo sia riproposto per estate 2014.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...