spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Misericordia San Casciano: approvati bilancio 2023 e progetto della nuova sede. Inaugurate due nuove ambulanze

    Giornata molto intensa quella di ieri, sabato 20 aprile, per l'Arciconfraternita sancascianese: fra presente e futuro

    SAN CASCIANO – Giornata intensa quella di ieri, sabato 20 aprile, per la Misericordia di San Casciano.

    Alle ore 9.30 di ieri, in piazzetta Simone Martini, il parroco don Massimiliano Gori ha benedetto le due nuove ambulanze, di fronte a un folto pubblico di cittadini, le sorelle e i fratelli della Confraternita sancascianese.

    Alle 10 è iniziata l’assemblea ordinaria con il ricordo commosso dei fratelli che nel 2023 sono scomparsi e a cui è stato dedicato un “Eterno riposo”.

    Il Governatore, professor Marco Poli, ha poi ringraziato le sorelle e i fratelli volontari, i soci e i dipendenti “e tutta la popolazione che ci sostiene” ha aggiunto.

    Non sono mancati i ringraziamenti al Magistrato dell’Arciconfraternita che “ha portato avanti in questi tre anni tutto il lavoro necessario che oggi ci porta qui, di fronte a questa assemblea – ha poi continuato Poli – per presentare il bilancio e il progetto della nostra nuova sede. Ringrazio anche l’ufficio amministrazione per il grande e sentito impegno, profuso con spirito di servizio e di abnegazione”.

    “La Misericordia – è stato ricordato ancora – è composta da volontarie e volontari che si dedicano alla carità e alla fratellanza, seguendo gli insegnamenti cristiani. Aiutano gli altri in situazioni di bisogno, mettendo in pratica, con le loro azioni, i valori delle Sette Opere di Misericordia sia spirituali che corporali”.

    Nel 2023 gli interventi sanitari sono stati quasi 5.000 e i servizio di trasporto sociale 2.400. Le sorelle e i fratelli attivi volontari sono circa 400.

    “ll lavoro della Protezione Civile è stato fondamentale – ha poi ricordato il Governatore –  nel fornire assistenza nei luoghi colpiti da catastrofi naturali e nel garantire un costante sostegno al nostro territorio. La loro opera è preziosa e indispensabile per garantire la sicurezza e il benessere delle persone durante situazioni di emergenza”.

    Dopo l’intervento di Poli, si sono succeduti il professor Paolo Bandinelli, presidente della Servizi: “Le visite effettuate presso il poliambulatorio della Misericordia – ha precisato – sono state 20.540 e crescono di anno in anno per numero e per qualità”.

    Hanno preso la parola i revisori dei conti, il dottor Andrea Casini e il dottor Raffaele Susini, dando parere favorevole all’approvazione del bilancio e ringraziando l’ufficio amministrativo per il supporto e la collaborazione fattivi.

    Sempre il Governatore ha illustrato poi il conto economico e lo stato patrimoniale.

    L’architetto Simone Loia ha invece presentato all’assemblea il progetto per la nuova sede della Misericordia, che sorgerà fra i vecchi macelli comunali (oggi sede della polizia locale) e il parco del Poggione.

    “Mi sono ispirato, ricordando la mia esperienza di volontario attivo – ha affermato – e modifico il progetto, di volta in volta prestando ascolto a chi quotidianamente vive la Misericordia”.

    Nel progetto ci saranno numerosi ambienti dedicati sia ai volontari che ai fruitori prestando particolare attenzione alle zone di attesa, al back e al front office. Vi saranno due sale: per i corsi e per le riunioni del Magistrato. E sarà improntato all’ecosostenibilità.

    L’assemblea ha quindi approvato all’unanimità sia il bilancio che il progetto della nuova sede, prima di recarsi in piazzetta Simone Martini insieme al governatore Poli per il taglio del nastro inaugurale delle due ambulanze, alla presenza del sindaco Roberto Ciappi e del presidente di ChiantiBanca, Cristiano Iacopozzi.

    Che, nei loro interventi, hanno sottolineato come il volontariato sia un’attività meritoria che vada sempre sostenuta.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...