spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Monete, verdura, lumini: ancora una volta resti di “magia bianca” nel percorso lungo la Pesa

    In località Ponterotto, tra via della Pesa e via di Mucciana: ci eravamo già occupati di questi segni nel dicembre 2016 e nell'agosto 2021...

    PONTEROTTO (SAN CASCIANO) – Sembra un posto particolarmente adatto per chi pratica i riti di “magia bianca” il percorso di servizio utilizzato per i mezzi da lavori del Consorzio di Bonifica, ma anche da ciclisti e pedoni, lungo il torrente Pesa.

    Siamo a San Casciano, in località Ponterotto, tra via della Pesa e via di Mucciana.

    Ci eravamo già occupati di questi segni nel dicembre 2016 e nell’agosto 2021.

    # Mistero risolto: rituali di “magia bianca” sudamericana lungo il corso del fiume Pesa

    # Curiosità: riti “magici” lungo il corso della Pesa? Ecco cosa abbiamo trovato nei giorni scorsi

    Ma veniamo all’attualità. Ieri, sabato 3 settembre, a fare la segnalazione al Gazzettino del Chianti è stato un nostro lettore.

    Passando era impossibile non imbattersi in un cerchio nero, che prendeva tutta la strada, con in mezzo un piccolo cumolo bianco e giallo. Intorno, messi a cerchio, dei piccoli lumini bianchi.

    Come le altre volte siamo andati a vedere, rilevando altri particolari.

    Diciamo subito che si dovrebbe trattare di un rito sudamericano di “magia bianca”, come ci avevano già illustrato in passato all’ufficio “Riti” della polizia di Stato di Firenze, una squadra antisette della Questura di Firenze.

    Al centro del cerchio nero c’era del sale, sotto era sistemato del prezzemolo, in mezzo al sale dei centesimi, così come sparsi all’interno del cerchio c’erano spiccioli da 1, 5 e 10 centesimi, mentre nel cumulo giallo, forse di curcuma, ancora centesimi.

    Sul lato del sale e anche dei peperoni rossi e verdi: il tutto circondato da lumini. Probabilmente erano state spostate da dentro due bottiglie, una di “Fragolino”, l’altra di grappa, rotta.

    La gabbietta del tappo del “Fragolino” era al centro, così come una vecchia moneta da cento lire.

    Nonostante la pioggia, i pochi passanti si sono chiesti cosa mai potessero essere quei segni, qualcuno ha ipotizzato si trattasse di un rito esoterico.

    Ma, ripetiamo, pensiamo si tratti di quanto abbiamo scritto. Comunque, nel dubbio, qualcuno ha aggirato il “cerchio nero”. Non si sa mai, meglio essere scaramantici… .

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...