spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La donna che per prima aveva accusato un malore: “Avevano ostruito la canna fumaria”

    Il bed and breakfast nel centro storico di San Casciano, al centro dell’attenzione negli ultimi giorni per l’intossicazione di nove persone a causa del monossido di carbonio, ha riaperto, e per fortuna senza nessuna grave conseguenza per le persone (tra queste due bambini) che avevano accusato malori a causa di esalazioni sprigionatosi nel pomeriggio di martedì 12 febbraio (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    Il B&B è in una posizione strategica del paese, accogliente e ben ristrutturato, ne sono proprietari tre soci. Siamo andati a suonare il campanello per sapere se la signora della reception, la prima che ha accusato un malore, fosse stata dimessa. E con vero piacere è stata proprio lei ad aprirci la porta e ad accoglierci.

     

    Una brutta avventura che però si è risolta al meglio.

    "Per fortuna – racconta con un sorriso- e abbiamo tra l’altro scoperto che la causa di tutto non è stato per il mal funzionamento di una delle caldaie, ma per l’ostruzione della canna fumaria,  dove all'interno vi avevano nidificato i piccioni".

     

    Lei non si rese conto che la causa del suo malore era dovuta al monossido di carbonio?

    "Per niente, i sintomi erano simili a un’influenza, tanto che perfino in ospedale fin dall’inizio non riuscivano a capire la causa. Fino a quando fu riportato che un cliente del B&B accusava mal di testa e nausea, allora mi fu fatto l’emogas, un’analisi specifica del sangue, che chiaramente risultò avere i valori “sballati”. Fu allora che mi misero per precauzione nella camera iperbarica".

     

    Tutto questo avvenne nel pomeriggio?

    No, a inizio della mattina, in quanto mi ero recato nel locale caldaie, e avendo tenuto la porta tagliafuoco aperta per eseguire le pulizie, il monossido iniziò a salire. Dopo pranzo avvertii un forte mal di testa, in un primo momento l’avevo associato ad un pranzo troppo abbondante, fino a quando sono stata costretta a chiamare mio marito per venire a sostituirmi. Dopodiché sono svenuta. Erano circa le 16.30".

     

    Invece i clienti quando hanno iniziato a sentirsi male?

    "Intorno alle 18: ci fu chi cominciò ad accusare mal di testa e nausea, e così furono tutti accompagnati in ospedale".

     

    Per quanto tempo è stata ricoverata?

    "Per 24 ore, poi sono stata dimessa, così anche gli altri sono stati dimessi in breve tempo. Siamo dispiaciuti di quanto avvenuto, anche perché la manutenzione è eseguita in maniera regolare; anche i vigili del fuoco hanno dato l’inagibilità del locale, diffidando solo l’uso del riscaldamento fino al ripristino della canna fumaria, liberata dal nido grazie all’intervento di uno spazzacamino! E pensare che da poco avevamo rifatto la facciata e rimesso le reti a protezioni dei camini. Nonostante tutto i piccioni erano riusciti a “scalzare” la rete e fare il nido. Una brutta esperienza a lieto fine. Per fortuna".

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...