spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il “trenino” del Chianti è tornato a San Casciano. Vi rimarrà fino a novembre

    Con la mostra "La mitica Caffettiera del Chianti", allestita sotto le mura del Piazzone: un tuffo nel passato

    SAN CASCIANO – “La mitica Caffettiera del Chianti” si è fermata sotto le mura di piazza della Repubblica (il Piazzone). E vi rimarrà fino a novembre

     

    Naturalmente non si tratta del vecchio "trenino" del Chianti, ma di una mostra fotografica all’aperto.

     

    Grazie a Sgabuzzini Storici, il Gruppo “La Porticciola” di San Casciano in Val di Pesa, il Teatro dei Passi, con il contributo di Gest “Groupe Ratp” e il patrocinio del Comune di San Casciano in Val di Pesa, è possibile fare un tuffo nel passato osservando foto d’epoca e documenti riguardo al collegamento tranviario San Casciano-Firenze.

     

    Venne inaugurato il 21 maggio 1891 con l’apertura del tronco dal Ponte dei Falciani, contemporaneamente all’altro tronco che, lungo la Greve, raggiungeva dopo il Ferrone il Passo dei Pecorai (a Greve arriverà solo due anni più tardi, il 3 aprile 1893).

     

    La mostra, "en plein air", sta avendo un grande successo. E, come detto, chi vorrà potrà gustarsela fino a a novembre. 

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...