spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I lavori (ritratti e sculture) di Marina des Tombe che apre il suo studio d’arte. Allievi compresi

    SAN CASCIANO – Una mostra davvero speciale quella che apre i battenti sabato 5 ottobre nella saletta espositiva della biblioteca comunale di San Casciano (aperta tutti i giorni negli orari della biblioteca, l'artista sarà presente tutti i martedì e i giovedì mattina).

     

    Marina des Tombe infatti, per questa sua personale, ha deciso di andare oltre al concetto di apertura mostra uguale… inaugurazione, taglio del nastro, un tavolo con le bibite e i salatini, pubbliche relazioni.

     

    "Non mi entusiasma – dice – quel tipo di "mondanità". Ed ecco allora che ho preferito aprirla come se fosse uno studio d'arte. I miei studenti infatti saranno al lavoro dalle 10 alle 13 di sabato 5 ottobre".

     

    Un modo originale per mettere al centro l'arte, la manualità, il pensare e il creare: in mostra ci saranno i lavori di un'artista, Marina, che ha trovato nel Chianti la sua terra fertile. Ha aperto il suo studio a Tavarnelle per otto anni, a Greve in Chianti per cinque e… oggi a San Casciano, in via Decimo.

     

    Ritratti e sculture in bronzo (Marina tiene anche corsi di acquerello, di pittura ad olio per adulti, bambini e workshops per turisti in vacanza nel Chianti), che "deborderanno" dalla saletta per finire anche sui tavoli della biblioteca stessa, dove ogni giorno studiano decine di persone. Perché, come si sa, il bello aiuta sempre… a pensare.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...