spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 6 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Mostro di Firenze: strani segni attorno al cippo in memoria dei due francesi uccisi alla piazzola degli Scopeti

    Uno strano cerchio, formato con dei sassi e, al centro, tre rami secchi conficcati nel terreno. Lì vicino, una specie di torretta fatta con del materiale lapideo...

    SCOPETI (SAN CASCIANO) – Uno strano cerchio, formato con dei sassi e, al centro, tre rami secchi conficcati nel terreno.

    E’ questo quello che abbiamo trovato in via Scopeti, nella piazzola accanto al cippo dove furono trovati l’8 settembre 1985 i corpi di Nadine Mauriot e Jean-Michel Kraveichvili, uccisi dal mostro di Firenze.

    L’ultimo duplice omicidio di una serie che ha fatto, purtroppo, la storia. In Italia e nel mondo.

    Al momento non è dato sapere se si possa trattare di un rito “magico” o “esoterico”.

    Come non possiamo stabilire se sia una messa in scena per attirare l’attenzione di chi, e sono in tanti, frequentano la piazzola.

    Altra cosa strana: sempre accanto al cippo, è stata “montata” una specie di torretta con del materiale lapideo, lì presente da diverso tempo.

    Un blocco di cemento è stato tolto dove in un primo momento era stata sistemata sulla terra la lapide (che una volta p già stata divelta da ignoti).

    Ma altri pezzi, all’apparenza una sorta di cordolo in uso per delimitare le tombe nei cimiteri, è comparso in un secondo momento.

    Abbiamo già segnalato il tutto alla sezione della polizia di Stato di Firenze che si occupa specificatamente di questa tipologia di eventi.

    A poca distanza una bustina che conteneva un profilattico, il contenitore di un farmaco in pastiglie e dei fazzoletti di carta.

    Segni abbastanza inequivocabili di qualcuno che ha scelto di appartarsi proprio qui.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua