spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Stavolta siamo nella zona dell’Olmo, piccolo borgo di case alle porte del Bargino

    OLMO (SAN CASCIANO) – Dopo l’ordigno trovato lungo il fiume Pesa sotto Cerbaia (clicca qui per leggere l'articolo), eccone spuntare un altro stavolta di dimensioni più piccole ma non per questo meno pericoloso.

     

    Il ritrovamento è avvenuto lungo la via Cassia per Siena in località Olmo a pochi chilometri dal Bargino. L’ordigno, una bomba da artiglieria tedesca della seconda guerra, è stata rinvenuta casualmente sul fondo di un affluente in secca in prossimità di un piccolo ponte.

     

    Non è da escludere che sia arrivata fin lì trasportata durante le forti piene: ad accorgersi dell’ordigno sono stati alcuni operai che stavano svolgendo lavori di manutenzione lungo la Cassia.

     

    Resisi conto del pericolo, sono stati fatti intervenire i carabinieri della Stazione di San Casciano che hanno provveduto a delimitare la zona, in quanto l’ordigno si trovava a vista e lungo un tratto di strada assai frequentato.

     

    E’ stato richiesto immediatamente l’intervento degli artificieri dell’Arma di Firenze che nel pomeriggio dello stesso giorno, hanno preso in consegna la bomba per poi farla brillare in sicurezza.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...