spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Mentre fanno polemiche pretestuose, noi rimaniamo dalla parte dei cittadini”

    SAN CASCIANO – "Le polemiche sterili del Pdl  non servono a nessuno": anche il gruppo consiliare del Partito democratico replica alle critiche velenose del Popolo della Libertà, che ha accusato maggioranza, e presidente del consiglio comunale, insieme al consigliere dell'Udc Jacopo Borri, di fare sostanzialmente i propri comodi (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    "La variazione dei punti dell'ordine del giorno – dicono quelli del gruppo del Pd – è prassi ampiamente consolidata e  disciplinata dal regolamento del consiglio comunale. All'interno dell'ultima seduta,  ad esempio,  è stata applicata per il consigliere di opposizione Nencioni (Laboratorio-RC).  Nell'arco della attuale legislatura, è stata applicata decine e decine di volte per i consiglieri del Pdl, come da loro stessi riconosciuto lo scorso consiglio".

     

    "Il Partito democratico ha chiesto che la stessa prassi fosse rispettata anche per il sindaco – spiegano – impegnato in una importante riunione sulla sanità. Il punto in oggetto trattava una modifica dello statuto dell’Unione dei Comuni e il sindaco è l’unico membro del consiglio comunale di San Casciano a sedere nella giunta dell’Unione dei Comuni. Era quindi utile per tutti attenderlo e ascoltare il suo contributo".

     

    "La polemica sollevata dal Pdl – dicono ancora – contraria all'applicazione di una regola della quale si serve sistematicamente, appare pertanto fuori luogo e completamente pretestuosa. A conferma di questo, gli altri gruppi di opposizione sono rimasti in aula, dissociandosi dal gesto incomprensibile del Pdl".

     

    "Tuttavia – rincarano – mentre il Pdl  polemizza in modo sterile sull’ordine dei lavori del consiglio, in un momento complesso come quello attuale, la maggioranza cerca di adoperarsi per quanto possibile nel difficile compito di amministrare al tempo della crisi".

     

    "Cercando di mantenere intatti i servizi offerti ai cittadini sancascianesi – concludono – e favorire quando possibile i ceti sociali più bisognosi.  Nonostante i tagli drammatici inferti ai Comuni dal Governo Centrale.  E’ questa la difficile sfida che stiamo combattendo,  come sempre, dalla parte dei cittadini".

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...