spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il racconto da un negozio che questa mattina ha vissuto un probabile tentativo di raggiro

    SAN CASCIANO – Sono stati attenti e allerta, sventando probabilmente un furto architettato ai loro danni: tornano infatti nel mirino i negozi del centro storico di San Casciano.

     

    In uno di loro questa mattina si sono vissuti momenti a dir poco strani: ce li raccontano direttamente i titolari del negozio, che hanno fatto regolare segnalazione anche ai carabinieri ma che ci chiedono di mantenere l'anonimato.

     

    "Questa mattina – iniziano – sono entrate in negozio tre donne: una sui 50 anni, due sui 30. Carnagione abbastanza scura, capelli scuri, potevano essere benissimo la madre e le figlie. Parlavano italiano ma con un accento che faceva pensare all'Europa dell'Est".

     

    "Ci siamo subiti insospettiti – proseguono – visto che tutte e tre hanno iniziato a chiedere prezzi e a voler vedere merce quasi a caso in giro per tutto il negozio. Intanto abbiamo notato fuori un uomo, anch'esso intorno ai 50 e con le stesse caratteristiche fisiche".

     

    Insomma, il palo. Da lì l'idea di dire ad alta voce che entro poco sarebbe passato un vigile urbano a ritirare un pacco in giacenza.

     

    "Alla parola vigile – sorridono i titolari del negozio – le donne sono subito scattate a confabulare fra di loro. Poi, una di loro è uscita e ha fatto un fischio: dal fischio a vedere scomparire tutti è stato… un attimo".

     

    Insomma, ancora una volta c'è da fare grande attenzione: magari sarà un falso allarme, ma è sempre meglio tenere gli occhi ben aperti.

     

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...