spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 6 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Notizia uscita su un quotidiano del sud: sarebbe una svolta dopo anni di false piste

    Firenze e i luoghi in cui sono stati commessi gli omicidi del “Mostro di Firenze” sabato 2 marzo si sono risvegliati con una notizia clamorosa se verrà confermata: la famigerata arma che ha ucciso 16 giovani coppie, la pistola marca Beretta calibro 22 Long Rifle, da una notizia apparsa sul quotidiano La Gazzetta del Mezzogiorno, sarebbe venuta alla luce dopo anni e anni di ricerca infruttuosa.

     

    L’arma era custodita in un bunker dell’aliquota di polizia giudiziaria dei carabinieri di Potenza. E' stata esaminata dai Ris, che sono riusciti (nonostante la matricola sia stata cancellata) parzialmente a risalire al numero di serie, arrivando a stabilire che l’arma sia stata venduta in un’armeria di Sassari nel maggio 1960.

     

    Ad acquistarla sarebbe stato un amico di Salvatore Vinci, entrato a far parte dell’inchiesta sul “Mostro di Firenze”. Di lui si sono perse le tracce dal novembre 1988. Nei prossimi giorni seguiremo l’evolversi di questo ennesimo giallo, che se confermato riapre l’ipotesi più attendibile, ovvero la pista sarda vicina agli omicidi del “Mostro di Firenze” .

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua