spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 30 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Intervista al segretario comunale del Pd sancascianese

    San Casciano è il comune chiantigiano in cui Matteo Renzi ha sforato di giustezza il 50% (50,5%) nelle primarie del centrosinistra di domenica 25 novembre (in foto sopra il seggio di Cerbaia), mentre negli altri si è spinto anche molto oltre: ma non è certo una consolazione per chi sosteneva Pierluigi Bersani e, all'improvviso, si è trovato in una situazione nuova. Anche inaspettata. Ne parliamo con Letizia Giuliani, la segretaria dell'unione comunale di San Casciano del Partito democratico.

     

    Qual è la riflessione sul risultato sancascianese? Pillola meno amara l'essere il comune nel Chianti in cui Renzi ha fatto risultato "meno migliore"?

    "La partecipazione è stata ampia, ha funzionato tutto bene. Non ci sono stati intoppi. Credo che i comitati a sostegno dei vari candidati abbiano lavorato bene insieme per permettere la riuscita di questa grande giornata di democrazia. La riflessione è ancora in divenire. Dobbiamo certo analizzare bene il risultato e capire quale sia la strada che il partito sancascianese dovrà percorrere verso le elezioni politiche".

    Da qui a domenica prossima, come pensate di lavorare?

    "Saremo presenti nel garantire lo stesso servizio che ieri fatto funzionare bene i seggi. Faremo in modo che chiunque sia interessato a sostenere il centrosinistra ed il Pd alle prossime politiche scelga il suo candidato premier."

    Sia sincera, si aspettava un risultato del genere?

    "Pensavamo a numeri più vicini fra Bersani e Renzi. Ognuno poi sperava nel risultato migliore del suo candidato, vedremo domenica prossima. C'è ancora una settimana di lavoro ed organizzazione intensa".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...