spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 24 Marzo 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Protezione Civile di San Casciano a malincuore: quest’anno niente Babbo Natale a casa dei bambini

    Impossibile organizzare la tradizionale consegna vista la situazione sanitaria. Che peraltro impegna moltissimo i volontari del gruppo di Protezione Civile della Misericordia

    SAN CASCIANO – L’epidemia di Covid-19 cancella anche un altro appuntamento divenuto ormai tradizionale nel Natale sancascianese: al consegna dei regali ai bambini da parte dei Babbi Natale e dei folletti.

    Ovvero i volontari della Protezione Civile della Misericordia di San Casciano che, a malincuore, sono stati costretti a prendere atto che la situazione ne rende impossibile l’organizzazzione.

    “Da molti anni – dicono – oltre che aiutare la comunità, ci piace portare allegria e felicità nelle case con il nostro servizio “Babbo Natale a Casa tua”, il tutto grazie ai nostri volontari che, malgrado rinuncino a festeggiare in famiglia, danno man forte a far sì che si svolga un servizio delicato come questo”.

    “Può sembrare banale – riprendono – ma basta un piccolo errore a rovinare una festa attesa da grandi ma soprattutto dai più piccoli. In tutti questi anni i nostri Babbi Natale hanno consegnato più di 3.000 pacchi, di cui 0 (zero, punti, nemmeno uno, nessuno) sono andati persi”.

    “Quest’anno – aggiungono – per la vostra sicurezza, il Covid ci obbliga a non poter svolgere questo servizio. Non diamo colpa al Dpcm, ma al momento siamo impegnati a fare un grande lavoro per chi in questo momento è in quarantena”.

    Protezione Civile della Misericordia di San Casciano al lavoro al drive through sancascianese

    Sì, perché ovviamente la pandemia ha moltiplicato le incombenze di questi eccezionali volontari: “Garantiamo la consegna della spesa e dei medicinali, oltre alla gestione del drive trough di San Casciano per quanto riguarda l’esecuzione dei tamponi”.

    “Abbiamo una media di due consegne al giorno – specificano – che i nostri volontari riescono a garantire nonostante i loro impegni”.

    Inoltre /altra tradizione saltata), “ci addolora, anche non poter addolcire le serate di shopping natalizio in centro con le caldarroste, vin brulé e zucchero filato, ma purtroppo non ci è concesso, per la sicurezza di tutti”.

    “Anche noi non siamo immuni – tengono a dire –  ma la vostra sicurezza è la priorità, se siete al sicuro voi, siamo al sicuro anche noi, e non ti scordare che… la protezione civile sei anche tu”.

    “Con la speranza che tutto finisca il prima possibile – concludono – vi anticipiamo i nostri auguri di buone feste, in salute e che lo spirito natalizio sia comunque con voi”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...