spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 15 Giugno 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Quando il restauro diventa (anche) una forma d’arte: gli splendidi lavori di Art-Craft

    Andiamo a scoprire questa azienda che restaura a tutto tondo, guidata dai fratelli Claudio e Fabrizio Tafani, originari di Barberino Val d’Elsa, sancascianesi di adozione

    SAN CASCIANO – Art-Craft (in via Empolese 108/A, a San Casciano) è un’impresa edile a tutto tondo che si occupa di restauri, partendo anche da zero (cioè dalla sistemazione geologica), per arrivare fino alla decorazione.

    In piedi dall’inizio degli anni Novanta, l’azienda (qui il sito web www.artcraftitaly.com) è guidata dai fratelli Claudio e Fabrizio Tafani, originari di Barberino Val d’Elsa, sancascianesi di adozione.

    I due soci sono coadiuvati da sei dipendenti e da alcuni artigiani. E supportati da un team tecnico.

    Claudio ha frequentato il Liceo Artistico a Firenze, l’Istituto Tecnico Statale per Geometra Serale. E poi il corso di Progettazione Ambientale presso l’Università di Ferrara, che gli ha permesso di realizzare, seguendo i principi della cromoterapia, le stanze di leniterapia dell’ospedale pediatrico Meyer.

    E allo studio Claudio ha affiancato, sin da giovanissimo, l’esperienza sul campo: “Sono entrato nei cantieri a sedici anni”, ci racconta.

    “Ho iniziato con il restauro pittorico, per esempio su dei palazzi vincolati alle Belle Arti – ricorda – E, parallelamente, ho incominciato a preparare da solo i materiali, come lo stucco, che mi sarebbero serviti per il lavoro”. “E poi dalla decorazione sono passato all’edilizia”, prosegue.

    “Mio padre era imbianchino, mio zio muratore – Claudio ce l’ha proprio nel sangue il suo lavoro – Io ho unito questi due mestieri”.

    “Ogni edificio ha le proprie caratteristiche – spiega – E, nel restauro, è importante individuarle, mantenerle e valorizzarle”.

    “La cosa che più mi affascina del mio lavoro – gli brillano gli occhi – è scoprire l’anima di un edificio”. E Claudio ci riesce proprio bene.

    In tutti questi anni di attività, Art-Craft si è occupata di tantissimi lavori: ristrutturazione di chiese, palazzi storici in centro a Firenze e casali nel Chianti; progettazione di piscine e di Spa…

    Essendo da anni un socio del Lions Club Barberino Montelibertas, Claudio ha messo ben volentieri a disposizione del club le proprie competenze per vari progetti.

    Come il restauro della cappella di Sant’Andrea a Poggio al Vento: “Siamo riusciti a salvare l’incannicciato e l’affresco del 1400”, dice con orgoglio.

    Poi, oltre a qualche intervento sull’Abbazia di San Michele Arcangelo a Passignano, si è occupato del restauro della scalinata della Pieve di Sant’Appiano.

    E, da qualche giorno, ha avviato i lavori al tabernacolo situato nella località Molino di Santa Lucia (nella campagna di Barberino Tavarnelle).

    Si può rivolgere ad Art-Craft chiunque abbia un’abitazione di un certo valore storico e artistico. O chi voglia dare un’impronta personalizzata alla propria casa.

    Claudio riuscirà a dare un risultato unico (in stile sia tradizionale che contemporaneo, a seconda dei gusti del cliente), integrando tecniche artistiche con accorgimenti moderni, realizzando decorazioni particolari, creando lui stesso i materiali.

    “Offriamo anche il servizio “chiavi in mano” – conclude Claudio – Quando acquisiamo un incarico, il primo step è la consulenza con il cliente. Poi passiamo alla progettazione e infine all’intervento”.

    Per qualunque informazione potete scrivere alla mail artcraft@gmail.com oppure contattare telefonicamente Claudio al 3335957232.

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...