mercoledì 28 Ottobre 2020
Altre aree

    Quasi 4 kg e 400 grammi con tre funghi: il super ritrovamento del sancascianese Tommaso Leoncini

    Nei boschi dell'Appennino pistoiese tre porcini "di peso": il più grande è 2 kg e 200 grammi; il "mezzano" 1 kg e 180 grammi; il più "piccolo" 0,994 kg

    SAN CASCIANO – Sono giornate piene per i fungaioli di tutta la Toscana.

    Le nascite delle ultime settimane hanno fatto muovere centinaia, migliaia, di gerle e panieri in varie zone della nostra regione.

    Tantissimi anche i chiantigiani che si svegliano prima dell’alba per raggiungere i boschi in cui in questo settembre i porcini hanno fatto la loro comparsa.

    Lunigiana, Garfagnana, Appennino pistoiese.

    Queste le destinazioni principali, nell’attesa (ma soprattutto nella speranza) che le piogge di questi ultimi due giorni facciano presto “partire” anche la Maremma.

    Ed ecco che questa mattina, dopo due giorni di piogge che hanno contribuito sicuramente all’aumento del pese, il sancascianese Tommaso Leoncini, proprio nei boschi dell’Appennino pistoiese, ha trovato (fra gli altri) tre porcini (sono tre Boletus Edulis) dal peso molto… consistente!

    Quasi 4 kg e 400 grammi in tre: il più grande pesa 2 kg e 200 grammi; il “mezzano” 1 kg e 180 grammi; il più “piccolo” 0,994 kg.

    Una bella soddisfazione per Tommaso. Da celebrare anche sul Gazzettino del Chianti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...