spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I mastelli al posto delle buste. Migliora la raccolta dei rifiuti organici nel capoluogo

    Da lunedì 27 giugno parte la distribuzione dei contenitori per le aree coperte dal porta a porta

    SAN CASCIANO – Da lunedì 27 giugno il gestore del servizio dei rifiuti Quadrifoglio inizierà, su richiesta del Comune di San Casciano, a consegnare alle famiglie residenti nel centro storico e nelle aree del capoluogo in cui è attivo il porta a porta i mastelli per la raccolta differenziata.

     

    La distribuzione dei contenitori destinati al conferimento dei rifiuti organici e indifferenziati sarà effettuata fino ai primi di luglio dagli operatori del gestore in collaborazione con i volontari della Misericordia di San Casciano.

    L’intervento interessa le strade via IV Novembre, piazza Pierozzi, via Machiavelli, via Roma, via Morrocchesi, via della Vignaccia, piazza Cavour, via del Cassero, via Lucardesi, via Guarducci, via Curiel, via della Volta, viale Corsini, piazza delle Erbe e piazza della Repubblica.

     

    Per i cittadini che non si troveranno in casa al momento della consegna sarà predisposto un punto presso la Misericordia dove potranno recarsi autonomamente.

     

    "E’ un’operazione – commenta l’assessore Consuelo Cavallini – con la quale cerchiamo di dare una risposta concreta ai cittadini del centro che usufruiscono del servizio porta a porta".

     

    "Sostituendo le buste dell’organico – conclude l'assessore – facili alla rottura, i mastelli permetteranno di dare un'immagine più armoniosa e ordinata delle strade del centro. Dopo una prima sperimentazione la nostra intenzione è quella di estendere l'uso dei contenitori ai cittadini che risiedono nelle frazioni”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...