spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Disavventura per un sancascianese, circuito da un uomo e una donna all’ingresso del paese

    SAN CASCIANO – E’ costata cara l’informazione fornita con cortesia da parte di un signore a una coppia di stranieri.

     

    E’ accaduto alcuni giorni fa in via Cassia per Siena, all’altezza della rotatoria di ingresso al capoluogo (nelle foto il luogo del furto), dove è collocata l’opera  artistica di Mauro Staccioli.

     

    Un uomo e una donna di circa trenta anni hanno affiancato la loro fiammante auto, una BMW, a un signore per chiedere un’informazione su dove potevano trovare un supermercato. L’uomo, elegante e distinto, è sceso dall’auto mentre la donna è rimasta all’interno.

     

    Poche parole per indicare la strada e solo il tempo per scambiare due parole con la donna che dall’auto chiedeva se il supermercato era fornito di vernici, poi l’uomo ha ringraziato stringendo il braccio al collo di colui che era stato disponibile a fornire le indicazioni, dopodiché è risalito in macchina.

     

    Ma prima di ripartire ha fatto notare all’interlocutore che gli era caduto il portafogli. Il tempo di guardare e raccoglierlo che i due sono ripartiti. Solo allora colui che si era reso disponibile, si è reso conto che il portafoglio era vuoto: ma non solo, la catenina d’oro che portava al collo fino a pochi istanti prima, era sparita!

     

    Allo sfortunato non è restato altro che sporgere denuncia presso la Stazione carabinieri di San Casciano di quanto avvenuto. Un colpo da “professionisti” della magia, peccato però che alla fine nessuno abbia restituito il maltolto.  

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...