spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Marco Tarducci ha dato vita alla prima esperienza territoriale… di palla ovale

    CERBAIA (SAN CASCIANO) – Se passando nelle vicinanze dei campi sportivi di Montespertoli e Cerbaia vi capiterà di gettare uno sguardo ai campi da gioco, non potrete fare a meno di notare delle porte più grandi del solito. Il motivo?

     

    Amanti dello sport e del rugby, è in arrivo una grande novità nel panorama sportivo della Val di Pesa. È appena nata infatti la prima squadra di rugby del nostro territorio, la Bucks Val di Pesa. Ad accoglierla saranno proprio i campi sportivi delle due cittadine sopra citate. Martedì 1 ottobre alle 17.30 sul campo del Montespertoli è tenuto il primo allenamento.

     

    “Finalmente il rugby entra nella Val di Pesa con il consenso di tanta gente che aveva voglia di fare rugby e non sapeva dove mandare i figli”, commenta Marco Tarducci, di professione biologo e presidente della neonata associazione sportiva. Raggiunto dal Gazzettino del Chianti racconta la genesi e le prospettive della nuova associazione sportiva.

     

    Innanzitutto i colori sociali: “Con la scelta cromatica volevamo dare un senso all'aspetto territoriale della Val di Pesa: abbiamo scelto il viola, che per antonomasia rappresenta il giglio e richiama il vino, e il giallo ocra, perché fa riferimento al colore culturale della terra, del fieno”.

     

    Come spiega Marco, che per lungo tempo è stato giocatore di rugby (per poi darsi al judo, sport con cui si è misurato anche a livello internazionale), l'idea di inventarsi dal niente una società rugbistica è iniziata a frullargli in testa dallo scorso aprile.

     

    “Ho cinque figli – dice – abitavamo a Scandicci poi per una scelta di vita ci siamo spostati su questo territorio. Notavo che l'offerta sportiva per i ragazzi a livello di gioco all'aperto era calcio o calcio o eventualmente se hai voglia di fare qualche altra cosa, calcio”.
     

    “È quindi iniziata a maturare in me questa idea, di dare ai bambini e ragazzi del territorio un'alternativa – prosegue – finché a maggio mi sono deciso e ho voluto fare una prova per vedere quale sarebbe stata la risposta”.

     

    Una prova, durata due mesi estivi sul campo sportivo di Cerbaia (“Il presidente del Cerbaia calcio, Luca Presciutti è stato disponibilissimo a darci il campo per tutto luglio e agosto”) che ha avuto un grande successo.”Il territorio ha risposto bene: a un certo punto ho dovuto chiudere perché arrivavano troppi bambini!”.

     

    Da qui, la decisione definitiva di imbarcarsi in questa avventura sportiva, assieme ad altre sette persone. “Dopo una lunga trafila burocratica, adesso siamo nella Federazione Italiana Rugby, ce l'abbiamo fatta, partiamo!”.
     

    “Ora iniziamo a Cerbaia e Montespertoli – conclude Tarducci – ma abbiamo avuto richieste anche da Barberino, Tavarnelle, Greve in Chianti. Adesso cerchiamo di partire bene poi eventualmente potremo aprire altri campi in altri territori. Ci sono dei genitori che portano i loro figli da Greve a Firenze e questo non va bene: secondo il mio punto di vista, opinabilissimo, la struttura sportiva deve essere nel territorio dove risiedi”.
     

    Per chi fosse interessato a saperne di più, o interessato a sponsorizzare l'associazione sportiva (“Ne avremmo bisogno”) può contattare direttamente Marco Tarducci al numero di telefono: 335269069.
     

    di Andrea Alfani

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...