spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Casciano: domani la serata finale del premio letterario Arciere al Poggione

    Indetto dalla casa editrice CHIRIA – Chianti Editoria in collaborazione con la Festa de l'Unità. Andrea Ciappi: "Tante le persone che hanno presentato i loro racconti"

    SAN CASCIANO – Quest’anno è nato un premio letterario dedicato esclusivamente a racconti brevi. Sta giungendo al termine la prima edizione e chiunque, fino a venerdì, può votare per far vincere il racconto che preferisce.

    Dalla voglia di leggere e dalla necessità di dare voce alle penne di chi scrive, per diletto o per professione, è stato organizzato il premio letterario Arciere.

    Un premio dedicato a racconti brevi di qualsiasi genere, con l’unica limitazione inquadrata nel numero di battute: 12.000.

    La casa editrice CHIRIA – Chianti Editoria ha così indetto il primo premio del comune di San Casciano e delle zone limitrofe dedicato a questa tipologia di scritti

    “Abbiamo aperto la casa editrice ormai da un anno – dice l’editore Andrea Ciappi – E avendo gli uffici a Mercatale ci è capitato spesso di incontrare e parlare con le persone del posto. Molte di queste ci hanno raccontato di quanto per loro o per alcuni conoscenti fosse importante scrivere. E ciò che accumunava i vari scritti di cui ci parlavano era la tipologia: il racconto breve.”

    Da questa premessa la redazione di CHIRIA, in collaborazione con gli organizzatori della Festa dell’Unità di San Casciano, ha voluto provare a dar voce ai vari testi rimasti per troppo tempo nei cassetti di qualche comodino.

    Così, appena aperto il bando del premio sono iniziate ad arrivare le prime mail contenenti le schede di partecipazione e i racconti per il concorso.

    “Non so a cosa sia dovuto nello specifico – continua Ciappi – Forse la passione di scrivere, la voglia di mettersi in gioco, la novità o la gratuità dell’evento, ma ha fatto domanda un numero del tutto inatteso di partecipanti.”

    Partecipanti che hanno presentato un racconto ciascuno alla redazione, la quale, dopo aver controllato che fossero stati rispettati i pochi limiti indicati nel regolamento, ha inviato i racconti anonimi ai componenti della giuria: esperti di editoria e giornalisti del posto.

    Dopo un’accurata e non semplice selezione, la giuria ha espresso i propri voti decretando 6 finalisti. Questi i titoli:

    • Dove scorre il fiume

    • La danzatrice

    • La malattia con la P

    • La promessa infranta

    • Storia di Raperino

    • Uno scettro marcito

    Fino alle ore 17 di venerdì 8 luglio, chiunque può votare il suo racconto preferito tra i 6 finalisti.

    I testi sono reperibili sul sito della casa editrice (qui) e il proprio giudizio può essere espresso online tramite la mail redazione@chiria.it o sulle pagine social di CHIRIA.

    La premiazione sarà aperta al pubblico e si svolgerà nella zona dedicata agli eventi culturali, in prossimità del Tribù Bar, a pochi metri dalla riproduzione della stele etrusca raffigurante un arciere (da qui il nome del premio).

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...