giovedì 24 Settembre 2020
Altre aree

    San Casciano: “Interventi nelle scuole in corso. Più aule e nuovi spazi adibiti a classi attrezzate”

    Abbattimento delle barriere architettoniche e insonorizzazione delle aule. Comune e Istituto comprensivo hanno acquistato nuovi arredi scolastici come armadietti, banchi e sedie

    SAN CASCIANO – Il Comune di San Casciano amplia le aule e adegua i plessi scolastici dell’Istituto comprensivo “Il Principe”.

    “Per garantire – spiega una nota dell’amministrazione comunale – l’accoglienza di tutti gli allievi in sicurezza e nel rispetto delle linee guida stabilite dal governo per la prevenzione e il contenimento dell’emergenza sanitaria”.

    “Dopo aver effettuato vari sopralluoghi – prosegue la nota – ed esaminato le singole strutture a partire dallo scorso maggio, con un lavoro capillare che ha previsto la definizione delle esigenze e delle relative soluzioni, l’amministrazione comunale progetta e mette in campo un ampio quadro di opere di manutenzione ordinaria e straordinaria sulla base delle necessità emerse e condivise con la dirigenza scolastica”. 

    “In particolare – si spiega – gli interventi, volti a consentire agli studenti di ogni ordine e grado il rientro a settembre, riguardano le scuole dell’infanzia del Talente e Mercatale, le scuole primarie di San Casciano, Mercatale e Cerbaia e la scuola secondaria di primo grado di San Casciano”.

    “In tutti i plessi – si annuncia – è in fase di esecuzione l’installazione di appositi cartelli che indicano la via d’ingresso e di uscita in modo da scaglionare i gruppi e regolamentare accesso e fruizione all’interno e all’esterno degli edifici”.

    “Le risorse comunali e quelle tratte dai fondi europei che abbiamo ottenuto partecipando ad uno specifico bando Pon – dichiarano gli assessori alle politiche educative, Elisabetta Masti, e ai lavori pubblici, Niccolò Landi –  ci permettono di realizzare numerose opere di adeguamento e adattamento funzionale degli spazi e delle aule didattiche in conseguenza dell’emergenza sanitaria da Covid-19″.

    “Gli interventi in corso – sottolineano – per un importo complessivo pari a circa 100mila euro, stanno seguendo due linee parallele: da un lato si ampliano le aule e si creano nuovi spazi collocando pareti divisorie; dall’altro si predispongono e si riorganizzano spazi alternativi come refettori, aule informatica e sale biblioteca all’interno di alcune scuole adibite a classi e attrezzate con Lim e wifi”.

    “Stiamo intervenendo inoltre – continuano gli assessori – con l’abbattimento delle barriere architettoniche e l’insonorizzazione di alcune aule”.

    “Accogliamo i bisogni della scuola con risposte concrete e tempestive andando incontro a tutte le richieste legate alle misure anticontagio – aggiunge il sindaco Roberto Ciappi – il lavoro, puntuale e mirato, è frutto della consolidata collaborazione con il dirigente scolastico Marco Poli, il personale scolastico dell’Istituto comprensivo, cui si aggiunge l’impegno profuso dai nostri uffici del settore Servizi educativi e Lavori pubblici ai quali rivolgiamo i nostri ringraziamenti”. 

    Importante anche l’acquisto di nuovi arredi scolastici, a cura del Comune, tra cui 515 armadietti per la secondaria “Ippolito Nievo” dove ogni alunno potrà riporre libri e oggetti personali.

    La dirigenza scolastica ha provveduto ad acquistare 218 banchi con sedie per le primarie e la secondaria.

    “I banchi sono adeguati alle specifiche esigenze dell’emergenza – fa sapere il dirigente scolastico Marco Poli – serviranno a rendere più visibile la permanenza in aula in applicazione alle misure di distanziamento”.

    “Stiamo procedendo – conclude – per essere pronti al rientro a settembre, lavorando assiduamente in accordo con l’amministrazione e la macchina comunale. La scuola conta sulla collaborazione di tutti, dal personale scolastico alle famiglie, in un rinnovato patto di responsabilità”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino