spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 9 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Casciano, la conferma: “Quei contenitori abbandonati sono frutto di un furto dentro casa nostra”

    Ladri al Gentilino: "Dopo le brutte esperienze di micro criminalità in città abbiamo deciso di venire ad abitare a San Casciano. Ma è tornata la paura..."

    SAN CASCIANO – Ladri in azione al Gentilino, quartiere residenziale alle porte di San Casciano, domenica 16 ottobre.

    Dopo essersi arrampicati lungo il tubo del gas, hanno forzato (probabilmente con un grosso cacciavite) i cardini di una porta finestra, per poi introdursi nell’appartamento (in quel momento senza gli inquilini).

    Una volta dentro, i ladri hanno frugato aprendo cassetti, armadi, buttando tutto in aria, per poi uscire indisturbati da dove erano entrati.

    Nessuno dei vicini ha notato nulla: ad accorgersi di quanto avvenuto sono stati i proprietari, al loro rientro (erano circa le 23), quando si sono trovati davanti alla classica scena della casa “visitata” da ignoti.

    Tanta è stata la paura, più che altro il timore che in casa ci potessero essere ancora i ladri: così hanno richiuso la porta e, da fuori, hanno chiamato i carabinieri.

    “Da alcuni anni abbiamo scelto di venire a vivere a San Casciano – ci raccontano- Ci siamo subito innamorati di questo paese, delle persone che vi abitano, del paesaggio stupendo”.

    “Eravamo esasperati – proseguono dalla famiglia derubata – dalla micro criminalità della città dove vivevamo. Così, dopo anche brutte esperienze, abbiamo ritenuto che questo fosse il paese adatto alla vita tranquilla”.

    Il luogo dove sono stati ritrovati i resti della refurtiva trafugata, a pochi metri dalla casa svaligiata

    “Tutto è durato solo pochi anni – commentano amareggiati – Domenica siamo ripiombati di nuovo nella paura. Abbiamo atteso i carabinieri fuori dalla nostra casa, il tempo di attesa ci è sembrato lunghissimo. Poi abbiamo affrontato la notte. Un altro incubo, non è facile dormire nella camera dove estranei hanno messo le mani dappertutto”.

    “Vorremmo che quanto è successo non passi per un caso isolato – lanciano un appello – La cosa più urgente riteniamo sia installare nella zona delle telecamere per tutelare l’incolumità delle persone, dei bambini che qui ancora giocano e circolano all’interno del Gentilino. Sarebbe bello anche vedere il passaggio a piedi delle forze dell’ordine”.

    Intanto, nella mattina di lunedì 17 ottobre un nostro lettore ha inviato in redazione alcuni scatti che ritraevano contenitori di oggetti preziosi, vuoti, abbandonati lungo una strada sterrata vicino alla casa svaligiata.

    Avvisati i carabinieri della Stazione di San Casciano, questi si sono portati sul posto recuperando quel che rimaneva. E appurando, in seguito, che si trattava di contenitori di gioielli appartenuti proprio alla famiglia derubata domenica.

    I ladri si erano allontanati di poco e, complice il buio, si sono messi a scegliere la refurtiva prima di scappare. 

    Abbandono materiali lungo via del Gentilino: sembrano lasciati in seguito a un furto

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua