spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Domani le riprese del film olandese che poi si sposta a Impruneta. Ma non è tutto

    SAN CASCIANO – Ciak si gira, domani (poi, a seguire, la troupe si sposterà all'Impruneta) le prime scene di “Tuscan Wedding” al cimitero di Campoli. Tra domani e mercoledì San Casciano e il suo patrimonio storico-architettonico sotto i riflettori di produttori cinematografici e televisivi di respiro internazionale.

     

    Tra i luoghi più incantevoli del territorio sancascianese, scelti come location di produzioni cinematografiche di respiro internazionale, c’è anche il cimitero di Santo Stefano in Campoli dove domani, martedì 18, inizieranno le riprese del film “Tuscan Wedding”, una produzione italo olandese che vede coinvolte la 2House Production e la 360Degrees film di Venezia.

     

    Nel cimitero, ripreso sia all’interno ce all’esterno, verrà effettuata la simulazione di un funerale. Il film, nel genere comico, è un intreccio di storie divertenti e piccoli equivoci. Protagonista Sanne, professione wedding planner, con un unico difetto: l’unico matrimonio che non riesce ad allestire è il suo perché inguaribile single. Il lieto fine è assicurato: troverà l’amore nell’agriturismo che gestisce con i genitori in Toscana.

     

    Altro obiettivo puntato sul patrimonio storico architettonico di San Casciano è la Rtp- Radio e Televisione del Portogallo alle prese con la realizzazione di un documentario che si pone l’obiettivo di promuovere la diffusione nei paesi di lingua portoghese dei tesori artistici e culturali presenti in Italia. Le telecamere della Rtp riprenderanno gli straordinari ambienti di Casa Machiavelli (in foto) mercoledì 19 giugno.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...