spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    San Casciano: micio, investito, recuperato, operato e salvato. Adesso sta cercando una casa

    Deve la vita a un gruppo di donne che, dopo ore di tentativi, lo hanno ripreso dal vano motore di un'auto. Ha perso un occhio e ha subito un intervento alla bocca. Ma sta bene e cerca famiglia

    SAN CASCIANO – Nel pomeriggio dello scorso 17 agosto un gruppo di donne si è dato da fare per salvare un gattino che era stato investito, a San Casciano.

    Una bruttissima avventura per il micio che però, grazie alla tenacia, la pazienza e l’amore per gli animali, adesso è salvo. Ma ha bisogno di trovare quanto prima una famiglia che gli voglia bene.

    “Erano circa le 18 di mercoledì 17 agosto – raccontano le amiche al Gazzettino del Chianti – ci trovavamo in via XXVII Luglio, poco distanti dall’ufficio postale, quando un’auto a velocità sostenuta ha investito questo piccolo gattino”.

    “La strada era deserta – proseguono – l’investitore non si è fermato; chissà se si era accorto di averlo colpito. Siamo corse a vedere se stesse bene. Purtroppo aveva un occhio pieno di sangue, così come anche alla bocca. Abbiamo fermato alcune auto che stavano sopraggiungendo e lo abbiamo portato sul lato della strada”.

    “Avrà avuto uno o due mesi – continuano nel loro racconto – Naturalmente era molto impaurito, tanto che ha avuto la forza di alzarsi per andare a nascondersi sotto un’auto parcheggiata. Per poi infilarsi all’interno del vano motore”.

    “Abbiamo così contattato un veterinario – aggiungono – che non poteva lasciare l’ambulatorio per raggiungerci. Dovevamo quindi riuscire a prenderlo e portarlo in clinica. Nel frattempo sono arrivate altre persone e, tutti insieme, ci siamo dati da fare per riuscire a tirare fuori il micio ferito. Impresa che è risultata fin da subito difficile”.

    “Il tempo passava – sono ancora loro a parlare – Era arrivato anche il proprietario dell’auto (una signora) che ha aperto il cofano, ma niente. Abbiamo preso contatto con il 112, ma né i vigili del fuoco né il servizio veterinario della Asl poteva intervenire”.

    “L’operazione-recupero – ricordano – è andata avanti per ore, e si è risolta finalmente alle 21.30. Quando una signora, sdraiata sotto l’auto, è riuscita ad afferrare il gattino ed estrarlo dal motore”.

    La corsa adesso è verso la clinica veterinaria. Dove il medico, dopo una prima visita, decide per un urgente intervento chirurgico, sia all’occhio che alla bocca.

    L’intervento riesce, ma purtroppo il medico deve asportare l’occhio e fare un importante intervento alla bocca.

    Come sta adesso, chiediamo alle sinore: “Si trova ancora in clinica, la zona dell’occhio è stata ricucita così come la bocca, risponde bene alle cure, tanto che se inizialmente era diffidente, si sta rivelando affettuoso”.

    “Cerchiamo qualcuno che si possa prendere cura di lui – lanciano l’appello – Una famiglia che gli voglia bene. La sua vita non è iniziata nel migliore dei modi, per questo desideriamo che trovi tanto amore. Per chi desidera prenderlo, può contattare il numero 3498019499“.

    Un grazie naturalmente va a questo gruppo di donne, che con determinazione hanno salvato il micio che altrimenti sarebbe morto; oltre naturalmente al medico veterinario. L’augurio è che, davvero, trovi chi davvero lo voglia prendere e gli voglia bene.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...