spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tentata truffa, chiamata 96enne: “Suo figlio è in carcere, servono 30mila euro di cauzione”

    E' accaduto ieri sera a San Casciano. I truffatori erano sotto casa pronti a salire a prendere i soldi. Per fortuna però la signora vive a pochi passi dalla sorella. E...

    SAN CASCIANO – Ci contatta la nipote. Perché è rimasta (comprensibilmente) sconvolta da quanto accaduto ieri sera, mercoledì 14 dicembre, alla zia 96enne.

    “E anche perché – ci dice subito – quando siamo andati dai carabinieri a segnalare quanto accaduto, ci è stato detto che non siamo stati i soli a subire questo tentativo di truffa. Attuato più volte anche ieri”.

    La zia vive a San Casciano, e ieri ha sentito squillare il telefono di casa: “Dall’altro capo del telefono – racconta la donna – la voce di un uomo che le dice che il figlio ha avuto un incidente”.

    “Proseguiva – continua il racconto – dicendole che era stato arrestato. E che aveva bisogno di soldi urgenti (si è presentato come avvocato del figlio) chiedendo contanti per farlo uscire di prigione”.

    Uno schema abbastanza consolidato purtroppo, quello del finto avvocato e del finto incidente. Teso a spillare soldi rapidamente, con appostamento nei paraggi.

    “L’uomo le dice che servono contanti – prosegue ancora nel racconto la nipote – perché le banche sono chiuse”.

    E qui, però, sparano una cifra enorme, 30mila euro (“O almeno così ha capito mia zia”).

    “Lei ha risposto dicendo che era vecchia – riprende – che non aveva certo in casa tutti questi soldi, e che aveva bisogno di tempo per procurarseli”. 

    “Loro – precisa – sapevano dove abita mia zia, tanto che le hanno detto che erano sotto casa, e che potevano salire a prendere i contanti”.

    La 96enne, sconvolta, fortunatamente vive a pochi passi dalla sorella. Esce di casa, bussa alla sua porta, chiamano la nipote. E la truffa viene smascherata prima che possa entrare nella fase dei danni veri.

    “Ma fino a che mia zia non ha parlato con mio cugino – conclude la nipote, facendo capire quanto possa essere terribili queste truffe, in particolare per le persone anziane – ha pensato che tutto quello che le era stato raccontato fosse vero”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...