spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ragazzo senza biglietto: passeggeri “sequestrati” sull’autobus per oltre mezz’ora

    Mattinata davvero surreale sulla corsa da San Casciano a Firenze: porte bloccate dal controllore e mezzo fermo

    SAN CASCIANO – La salita del controllore all'altezza del Galluzzo. La presenza a bordo di un ragazzo, molto giovane, senza biglietto. Il suo rifiuto di consegnare i documenti.

     

    E' iniziata così una mattinata surreale per una ventina di passeggeri che si stavano dirigendo da San Casciano a Firenze a bordo di un autobus di Busitalia.

     

    E' andata a finire che si sono ritrovai "sequestrati" a bordo del mezzo: "Prima – ci racconta una testimone – siamo stati fermi per una ventina di minuti, in attesa della polizia, a Porta al Prato".

     

    "Poi – prosegue – incalzato dalle proteste dei passeggeri, l'autista si è diretto verso il capolinea, l'autostazione a Santa Maria Novella. Solo che anche lì le porte sono state tenute chiuse in attesa della polizia".

     

    Una situazione, come detto, grottesca: "Alla fine – conclude la donna – i passeggeri, che dovevano andare in città per lavoro, commissioni, appuntamenti, si sono arrabbiati sul serio. Così, dopo una decina di minuti di attesa fermi al capolinea siamo stati fatti finalmente scendere. Mentre arrivava la polizia".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...