spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Regolarmente parcheggiati, sportelli bloccati dalle serrature incollate

    SAN CASCIANO – Brutta sorpresa per i proprietari di quattro camper che erano stati lasciti regolarmente parcheggiati nel parcheggio tra via Fratelli Rosselli e via Marconi al Bardella.

     

    Quando i proprietari sono andati a spostare i mezzi per la pulizia stradale, non è stato possibile aprire gli sportelli in quanto le serrature erano state riempite di colla oramai consolidata.

     

    Un bel danno, perché per tutti i camper è stato necessario sostituire le serrature. Naturalmente il colpevole non è stato individuato, ma i residenti sono molto risentiti di quanto avvenuto.

     

    "Oggi è toccato ai camper, e se domani la colla dovesse essere messa nelle serrature delle auto? ci dice un residente – Non che sia meno grave quello fatto ai mezzi che di solito sono utilizzati per andare in vacanza, ma se questo fosse successo alle auto utilizzate per recarsi a lavoro o per recarsi velocemente in qualche posto?".

     

    "Da alcuni anni – proseguono – la parte del parcheggio che costeggia le case è al buio: questo perché dopo la caduta di un lampione che riusciva a coprire quella zona, non è stato mai riposizionato".

     

    "Più volte – ricorda il residente – abbiamo fatto presente agli organi competenti che occorreva porre un rimedio, anche per una questione di sicurezza, in quel punto i malintenzionati si possono nascondere con facilità e osservare senza essere visti i movimenti dei residenti. Pensiamo di non chiedere una cosa impossibile nel ripristinare un lampione dove tra l’altro c’era".

     

    Oggi comunque i camper parcheggiati sono diminuiti, ma questa è una sconfitta all’onestà delle persone e un punto a vantaggio dei malintenzionati.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...