spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 3 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sposarsi in villa: il Comune di San Casciano amplia la lista delle location a disposizione 

    L'amministrazione comunale invita le strutture ricettive di pregio a candidarsi a luoghi ideali dove pronunciare il fatidico sì

    SAN CASCIANO – Vivere il giorno più bello sul palcoscenico di un teatro ottocentesco, pronunciare il fatidico sì tra i libri e gli antichi documenti di una delle prime biblioteche circolanti e popolari della Toscana del diciannovesimo secolo.

    Coronare il proprio sogno d’amore nei castelli, nelle dimore storiche, nelle ville rinascimentali, avvolti da scenari unici dove le testimonianze del passato affiorano dalle pietre e si respirano negli arredi secolari, nelle opere d’arte, nei mobili d’epoca.

    Con l’obiettivo di valorizzare il territorio e le sue risorse storico-culturali e arricchire le potenzialità del wedding turistico nel Chianti il Comune di San Casciano offre e moltiplica le possibilità di unirsi in matrimonio civile in location diverse dal Palazzo comunale dove sono stati istituiti uffici di stato civile decentrati.

    Oltre alla sala consiliare, sono disponibili alcune sedi della cittadella della Cultura di San Casciano, nel centro storico del paese.

    Si può optare per le magiche atmosfere del Teatro comunale Niccolini, o per la sala “Lucia Bagni” della biblioteca di via Roma. Spostandosi di qualche chilometro, nel cuore della campagna chiantigiana, l’offerta si estende agli incantevoli spazi di alcuni castelli e ville di epoca medievale e rinascimentale.

    La giunta comunale rilancia l’operazione e invita le strutture ricettive o di somministrazione, anche temporanea, di particolare pregio storico architettonico ambientale o artistico presenti sul territorio, ad allungare la lista dei luoghi da sogno dove sposarsi.

    E’ stato approvato e pubblicato all’albo pretorio un avviso pubblico per accogliere le eventuali manifestazioni di interesse da parte di soggetti privati, disposti ad istituire presso le proprie strutture uffici separati di stato civile per la celebrazione di matrimoni e la costituzione di unioni civili.

    “Tutto il mondo ci invidia la bellezza impareggiabile del patrimonio naturalistico del Chianti – dichiara il sindaco Roberto Ciappi – un’area collinare marcata dal passaggio della storia che offre suggestioni e panorami mozzafiato, cultura e ambiente è il binomio inscindibile su cui ancora una volta puntiamo per candidare il Chianti a cornice ideale dove festeggiare la favola più bella e rendere speciale il giorno del sì”.

    “Intendiamo creare un’ulteriore opportunità tesa a rafforzare la sinergia tra ente locale, attività economiche e territorio – aggiunge il sindaco – e scommettere sulle potenzialità legate al

    turismo matrimoniale anche per le importanti ricadute economiche che il fenomeno implica”. “Invito, dunque, tutte le strutture presenti nel nostro territorio – conclude il primo cittadino – ad aderire al progetto del comune di istituire nuovi uffici di stato civile decentrati”.

    I soggetti interessati devono far pervenire l’apposita domanda, compilata e firmata, entro e non oltre il 12 gennaio 2023.

    Tra i documenti richiesti, da allegare al modulo predisposto, una planimetria dettagliata relativa agli spazi messi a disposizione, una relazione, corredata di adeguata documentazione fotografica, la dichiarazione con cui il proprietario attesta la conformità edilizia/urbanistica dell’immobile e la conformità alle vigenti norme in materia di impiantistica, superamento delle barriere architettoniche, tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, prevenzione incendi, la dichiarazione di compatibilità della destinazione d’uso ai fini urbanistici. 

    Le domande pervenute saranno poi valutate da una commissione tecnica che esaminerà le proposte. Stabilita l’idoneità dei requisiti, il soggetto è chiamato a sottoscrivere l’atto di comodato d’uso gratuito per l’utilizzo dei locali da adibire ad Ufficio separato di Stato Civile. 

    Occorre recapitare la documentazione nelle seguenti modalità:

    • A mezzo posta all’indirizzo Comune di San Casciano in via Machiavelli 56, 50026 San Casciano.

    • Consegna a mano presso l’Ufficio Protocollo del Comune di San Casciano, via Machiavelli 56, 50026 San Casciano, negli orari di apertura al pubblico (dal lunedì al venerdì 8.30-12.30, lunedì e giovedì anche 15-18.30).

    • Tramite PEC, mediante inoltro del documento, firmato digitalmente, esclusivamente da indirizzo di posta elettronica certificata all’indirizzo: comune.sancascianovp@postacert.toscana.it.

    Informazioni: m.tosi@comune.san-casciano-va-di-pesa.fi.it.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...