spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ci sono voluti numerosi rifiuti prima che uno della lista, Stefano Faleburle, accettasse

    SAN CASCIANO – Il consiglio comunale di San Casciano, dopo mesi di attesa (e di polemiche), torna ad essere composto da tutti i consiglieri comunali eletti nel giugno del 2009.

     

    Dopo l'addio (per motivi personali) del capogruppo (e unico consigliere) della lista civica Futuro Comune, Stefania Pagliai, avvenuto alcuni mesi fa, era infatti iniziata una stucchevole ricerca del suo sostituto.

     

    Come da prassi, ognni mese si chiedeva al primo nella lista dei non eletti la disponibilità a entrare in consiglio e rappresentare i ben 668 elettori (6,4% del totale dei votanti) che nel 2009 votarono per Futuro Comune.

     

    Dopo innumerevoli rifiuti ha accettato Stefano Faleburle (in foto), consulente prevenzione ambiente e luoghi di lavoro, che lunedì 25 novembre si è ufficialmente insediato su quella sedia vuota da mesi.

     

    "Diamo il benvenuto – ha detto il presidente del consiglio comunale Gianni Mazzei, che non ha mai nascosto la delusione per quella sedia vuota – al neo consigliere comunale, che dopo i rifiuti di altri si è messo a disposizione rispettando la scelta di tanti elettori sancascianesi".

     

    "E' automatico – ha detto Maria Teresa Lumachi, Pdl – l'augurio di buon lavoro. E' importante che questa lista civica, che aveva riscosso molti apprezzamenti nei cittadini, abbia di nuovo rappresentanza".

     

    Anche da Jacopo Borri, Udc, sono arrivati gli auguri: "Spero possa portare il suo contributo in questi mesi che ci separano dalle elezioni amministrative del 2014".

     

    Per il Partito democratico ha preso la parola il capogruppo Francesco Nieddu: "Qualche mese fa mi sono espresso in consiglio lamentando la situazione che si era venuta a creare. Per la prima volta dal dopoguerra il consiglio comunale era ridotto di una unità, una situazione che non faceva onore alle istituzioni".

     

    "Fra l'altro – ha tenuto a sottolineare – si tratta di una lista che alle elezioni del 2009 si configurò come il terzo partito a San Casciano: ci sembrava grave che la rappresentanza democratica fosse diminuita. Con il passare del tempo il timore di chiudere così la legislatura aumentava. Oggi invece siamo lieti di accolgliere il collega in consiglio comunale e ripristinare la rappresentanza dei cittadini di San Casciano".

     

    "Mi accodo a tutti gli altri consiglieri – sono state la parole di Zaccheo Nencioni, Laboratorio per un'altra San Casciano-Prc – e faccio gli auguri a mia volta. Di fatto questa lista alle aemministrative è stata la grande sorpresa e, non me ne voglia il consigliere, una sorta di MoVimento 5 Stelle ante litteram. Da quando sono entrato non ho mai avuto la possibilità di confrontarmi con nessuno di Futuro Comune. E di conseguenza vedere quali i propositi verranno portati avanti seppur in un tempo ristretto".

     

    "Mi associo ai consiglieri di maggioranza e minoranza – ha proseguito il sindaco Massimiliano Pescini – Ribadisco che è giusto che il nostro consiglio torni a pieni ranghi: la disponibilità del consigliere Faleburle è stata apprezzata da tutti. Anche perché quando ci si prende l'impegno di far parte di un'istituzione come lista, questo impegno deve essere rispettato. Io conosco Faleburle per il lavoro di volontariato e di spirito civico: lo ringrazio, gli faccio i miei migliori auguri".

     

    "Ringrazio tutti per l'accoglienza – queste le prime parole del neo consigliere comunale – Spero in una futura collaborazione ottimale, datemi il tempo di imparare e prendere pratica. Se Futuro Comune era all'opposizione… per adesso rimaniamo all'opposizione. Poi, quando le idee saranno più chiare, avrò modo eventualmente di rifletterci sopra".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...