spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il progetto “Chef tra le mense” diventa un ricettario per le famiglie sancascianesi

    L'opuscolo contiene segreti e proposte culinarie legate alla tradizione rivisitate dagli chef "stellati" venuti a San Casciano

    SAN CASCIANO – Dalla mensa a casa per tutte le famiglie. Il progetto “Chef tra le mense” diventa un ricettario allegro e colorato, destinato ad entrare nelle cucine dei sancascianesi, da sfogliare e adottare in ogni occasione.

     

    L'opuscolo, frutto della collaborazione tra il Comune di San Casciano, la Regione Toscana e l'Istituto Comprensivo "Il Principe", contiene segreti e proposte culinarie legate alla tradizione rivisitate in chiave contemporanea.

     

    Gli autori delle ricette sono i maestri dei fornelli che fanno parte del progetto chef tra le mense e le cuoche comunali di San Casciano.

     

     

    Lo chef del "Four Seasons" Vito Mollica rivela la sua farinata di mais con cavolo nero, la cuoca comunale Sandra Petzeu racconta ingredienti e preparazione della platessa in crosta di patate, la chef della "Tenda Rossa" Maria Probst spiega come si preparano alcuni dei suoi cavalli di battaglia, il polpettone di carne in salsa ketchup e la fonduta di formaggio e le crocchette di verdure.

     

    A prediligere il pesce invece è Michelangelo Rongo che illustra la preparazione delle lasagnette di mare e il pesce dimenticato, mentre ancora Vito Mollica torna sui sapori della carne con l'hamburger di manzo con formaggio fuso e purea di carote.

     

    Le cuoche comunali propongono entrambe due diverse espressioni del pesto. Carmela Mazzone rivela la sua ricetta a base di cavolo nero e Laura Poli descrive ingredienti e preparazione del pesto di zucchine.

     

    Ispirato dalla tradizione, Matia Barciulli propone la tipica pomarola toscana e, pensando al Natale, spiega come sfornare deliziosi biscotti natalizi.

     

     

    Per concludere Giovanni Santarpia, il re della pizza presenta nel ricettario arricchito dai colori, dalle forme e dagli arcobaleni realizzati dai bambini delle scuole di San Casciano la pizza alla crema di zucchine. La cuoca comunale Franca Falai condisce il ricettario con la sua ottima zuppa di legumi.

     

    “Il cibo è relazione, sfogliare queste pagine che mettono insieme i disegni dei bambini e le ricette realizzate per loro da rinomati chef è una grande emozione – sono le parole dell'assessore all'Istruzione della Regione Toscana Cristina Grieco – è stato veramente un dono poter contare sulla generosità di questi professionisti che hanno offerto la loro esperienza nelle mense scolastiche per valorizzare il cibo, non sprecarlo e rendere più appetibile anche quei prodotti solitamente poco allettanti, auspico che questa esperienza toscana sia presa come modello da replicare”.

     

    “Il nostro progetto si propone di migliorare l'appetibilità dei piatti, conquistare i palati più difficili e contrastare gli sprechi nelle mense scolastiche – conclude l'assessore alla pubblica istruzione di San Casciano Chiara Molducci –  questa prima edizione del ricettario racchiude l'esperienza maturata a San Casciano dove l'iniziativa è giunta alla quarta edizione”.

     

    Il ricettario sarà disponibile on line e alcune copie omaggio saranno consegnate alle scuole del territorio. Il progetto si avvale della collaborazione di Cir Food.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...