spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 6 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Antichi nomi di vie e piazze del centro storico: arrivano le nuove targhe in pietra

    Saranno posizionate dal 13 novembre al fianco di quelle attuali: racconteranno i vecchi nomi alle nuove generazioni

    SAN CASCIANO – Dal 13 novembre saranno poste delle nuove targhe in pietra sui muri perimetrali degli edifici che identificano gli antichi nomi di vie e piazze del centro storico del capoluogo.

     

    Queste andranno a fianco di quelle attuali che riguardano via Lucardesi, piazza Cavour, piazza Pierozzi, via IV novembre, via Roma, via Morrocchesi, piazzetta Simone Martini, via Guarducci, via Machiavelli.

     

     

    Tutto grazie a un progetto della Fondazione ChiantiBanca patrocinato dal Comune in collaborazione con l’Associazione Culturale “ Sgabuzzini Storici” di San Casciano.

     

    Una bella iniziativa che farà scoprire alle nuove generazioni come si chiamavano alcune delle vie che poi nel tempo hanno preso nuovinomi, come per esempio: via Guarducci si chiamava Lo sdrucciolo, piazza Pierozzi piazza dell’Orologio, via Roma via dell’Olio, via IV Novembre già via Romana.

     

     

    Qui ad esempio, ancora oggi è rimasta sulla facciata dell’abitazione all’angolo con via della Vignaccia la targa originale in marmo bianco.

     

    Inoltre è in fase di ultimazione, la realizzazione di un libretto curato dalla ricerca da parte degli “Sgabuzzini Storici” dove descriverà curiosità sulle vie sopra citate.   

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...