spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Natascia Santandrea e la chef Maria Probst hanno preparato il menu di Natale

    Chissà quanti saranno stati gli italiani a prendere appunti per il menù di Natale (e non solo) dagli spunti dati da Natascia Santandrea e Maria Probst, che oggi pomeriggio hanno partecipato al programma di Rai Uno "La Vita in diretta". Sono state invitate dopo aver partecipato alle "Serate Sorrentine", splendide giornate dedicate all'enogastronomia in terra campana.

     

    Da "La Tenda Rossa", storico ristorante stellato Michelin in piazza del Monumento, a Cerbaia, fino alle telecamere della televisione nazionale. Per un ristorante, quello sancascianese, comunque abituato da tempo ai grandi palcoscenici. Accanto a loro una Mara Venier in versione "massaia"… molto incuriosita. Anche perché le due donne hanno portato in tv la filosofia de "La Tenda Rossa", fatta di attenzione ai prodotti, ai dettagli, creatività e saper fare. Con una passione che pervade tutto l'ampio nucleo familiare che compone questa brigata eccezionale chiamata "La Tenda Rossa".

     

    Anche perché il menu era di quelli "da tenda", ricco di tradizione e suggestioni, oltre che di (presumibilissimo) grande impatto sul palato:si partiva dall'antipasto, con le caramelle di salmone selvaggio al rafano e miele, con grissini ai semi di zucca; per primo cappelletti di salsiccia e pecorino toscano in brodo; per secondo cappone e panforte. Per finire con il dolce… Natale con i sapori toscani.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...