spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 9 Giugno 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tir rimane incastrato in via Giuseppe Di Vittorio: intervento dei vigili per rimetterlo in marcia

    L'autista, probabilmente, aveva seguito le indicazioni del navigatore, ignorando i cartelli stradali di divieto di accesso ai mezzi superiori alle 5 tonnellate

    SAN CASCIANO – Un Tir è entrato in via Giuseppe di Vittorio, a San Casciano: e ci sono voluti gli agenti della polizia locale e un operaio del Comune per riportarlo sulla “retta via”.

    E’ successo nella tarda mattina di oggi, giovedì 23 marzo.

    Il mezzo pesante, entrato in via Giuseppe di Vittorio, ha svoltato con mille difficoltà sulla piccola rotonda verso il parcheggio dei Chisci, fermandosi prima di entrare in via Colle d’Agnola.

    Tempestivo l’intervento della polizia locale. Che ha fermato l’autista che, probabilmente, aveva seguito le indicazioni del navigatore ignorando i cartelli stradali di divieto di accesso ai mezzi superiori alle 5 tonnellate.

    Non è stato facile nemmeno far fare la manovra per ri-immettere l’autotreno in via Di Vittorio.

    Tanto che è dovuto intervenire un operaio del Comune per rimuovere (e poi ri-collocare) due pali della segnaletica stradale.

    Scortato dalla polizia locale, il Tir è stato accompagnato su viale Pertini, la circonvallazione del capoluogo.

    Il traffico è stato interrotto solo il tempo di eseguire la manovra.

    “Non è la prima volta che questi grossi mezzi entrano in via Di Vittorio per poi, con mille difficoltà, uscirne” ci racconta un residente che ha assistito alle manovre.

    “Si deduce – aggiunge – anche dai cartelli stradali ammaccati e spesso anche distesi sull’asfalto”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA 

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...