lunedì 10 Agosto 2020
Altre aree

    Torre del Lago: nel foyer del Gran Teatro Giacomo Puccini la mostra “Alba rosa”, di Elisabetta Rogai

    L'Enoarte della (ormai) sancascianese adottata in una cornice di prestigio. Vernissage arricchito da una performance "live" dell'artista, dedicata proprio a Puccini

    SAN CASCIANO – L’appuntamento è fissato per venerdì 10 luglio nel Foyer del Gran Teatro Puccini di Torre del Lago.

    Alle 19 la presidente della Fondazione Festival Pucciniano, Maria Laura Simonetti, inaugurerà la mostra “Alba rosa. Pitture al femminile di Elisabetta Rogai”.

    Inserito nel calendario degli appuntamenti collaterali del 66° Festival Puccini, l’evento espositivo si protrarrà (sempre con ingresso libero) fino al 21 agosto.

    E si preannuncia carico di aspetti simbolici: a cominciare dal titolo che guarda a un’alba, cioè a un nuovo inizio, che si tinge di rosa, poiché molto spesso i soggetti dipinti da Elisabetta Rogai (artista fiorentina ormai “adottata” da San Casciano) sono donne, ognuna con la propria storia da raccontare, ricca di fascino, di vitalità, di speranza.

    In tutto saranno visibili 11 opere dell’artista – che quest’anno festeggia i suoi primi 50 anni di attività espositiva che ha spaziato in tre continenti – realizzate con varie tecniche, compresa la pittura con il vino.

    Una delle “live performance” di Elisabetta Rogai

    Nasce infatti nel 2011 la cosiddetta “Enoarte” di Elisabetta Rogai, risultato di una intuizione rivoluzionaria: sulla tavolozza, infatti, il vino diventa arte grazie alla tecnica di fissaggio naturale adottata dall’artista, cioè i colori non sbiadiscono oltre una certa soglia.

    Dunque il vino invecchia sulla tela passando dalle cromie tipicamente giovanili a quelle caratteristiche della maturità.

    Di norma, in cantina questo processo richiede diversi anni, mentre sulla tela la trasformazione della nouance si avvia già dopo un mese e si completa nei mesi successivi, secondo quando viene steso il fissativo e in quale quantità.

    E lo stesso vale per l’aceto balsamico, di cui in mostra si potrà ammirare un’opera.

    Per dimostrare questa straordinaria tecnica pittorica, durante il vernissage Elisabetta Rogai darà vita a una live performance di Enoarte con una dedica speciale a Giacomo Puccini

    Mentre dipinge, infatti, l’artista interagisce col pubblico al quale espone questa sua originalissima tecnica: avvicinandosi alla tela, i presenti possono odorare il profumo del vino, vivendo un’esperienza sensoriale e intellettiva capace di rimandare a ricordi e far rivivere emozioni.

    Dunque diffondere e valorizzare la cultura enologica e “comunicare” il vino di qualità come prodotto della terra e del lavoro dell’uomo, unitamente al piacere della vista della creazione artistica che proprio attraverso il vino prende forma.

    Da segnalare, infine, che per i tipi di Angelo Pontecorboli Editore è stato realizzato il catalogo della mostra, la quale è resa possibile grazie al sostegno di alcuni sponsor: Malva, Minuterie metalliche Minuz, Velvetex.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino