spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 15 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Truffe, ancora falsi addetti di Publiacqua: l’azienda lancia l’allarme su San Casciano

    Telefonata di una falsa incaricata a un cittadino de La Romola. Solito tentativo dell'acqua contaminata: segnalate sempre al gestore del servizio idrico e ai carabinieri

    SAN CASCIANO – E’ un periodo molto delicato quello che stiamo vivendo, con una ripartenza massiccia, in tutto il territorio provinciale, di truffe (soprattutto ai danni di persone anziane) di falsi addetti di Publiacqua.

    E così il gestore del servizio idrico, in base alle segnalazioni, lancia gli “allerta” sul territorio. Stavolta siamo nel comune di San Casciano.

    “Un cittadino residente nella località La Romola – spiega il gestore del servizio idrico integrato – ci segnala di aver ricevuto una chiamata da numero privato”.

    “In cui una signora – prosegue – fingendosi un’incaricata di Publiacqua, gli comunicava che l’acqua del rubinetto non poteva essere utilizzata poiché contaminata”.  

    “Publiacqua – viene puntualizzato – ricorda ai cittadini che nessuno dei nostri incaricati sta eseguendo telefonate di questo tipo. E che l’acqua del pubblico acquedotto è potabile e sicura”.

    Publiacqua invita infine i cittadini “a segnalare prontamente alla nostra azienda o alle forze dell’ordine ogni episodio o richiesta sospetta”.

    Falso addetto di Publiacqua, ancora un anziano truffato (a Scandicci): incontri dei carabinieri anche nel Chianti

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...