spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 21 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un Decamerone speciale sul palco del Niccolini: applausi per gli allievi del 3° livello del corso di Arca Azzurra

    Con la regia di Samuel Osman i nove protagonisti hanno messo in scena quattro novelle di Boccaccio. Per una serata piacevole e divertente

    SAN CASCIANO – Il commento più bello e significativo lo abbiamo sentito all’uscita dal Teatro Niccolini dove ieri, mercoledì 12 giugno, gli allievi del 3° livello del laboratorio di formazione Arca Azzurra Formazione hanno messo in scena quattro novelle del Decamerone di Giovanni Boccaccio: “Mi hanno fatto venire voglia di rileggerlo”.

    Con la regia di Samuel Osman (aiutato da Michela Stellabotte) sono andati in scena Daniele Aretini, Maria Grazia Becciolini, Luigi Capotondo, Gisella Crocchini, Concetta De Santis, Daniele Nanosetti, Santo Papaleo, Dario Ramuzzi, Elisabetta Sani.

    Per uno spettacolo di fine anno curato in ogni dettaglio: dalle scenografie alle luci, dagli effetti sonori al manifesto.

    Insomma, teatro fatto da amatori che per pura passione frequentano il laboratorio di formazione. Ma teatro nel vero senso della parola.

    Quattro le novelle messe in scena: “Masetto da Lamporecchio”; “La bellezza di Alatiel”; “Il prete di Varlungo”, “Rustico e Alibech”.

    Così fra suore tentate dai piaceri della carne, così come il prete di turno, reali e principesse, “mutoli” che ritrovano la parola, villici che si trovano… cornuti, lo spettacolo è corso via veloce.

    Con gli attori calati perfettamente nelle parti, e il pubblico (platea piena) che si è divertito.

    E che, alla fine, ha tributato il meritato applauso a tutti coloro che si sono messi in gioco.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...