spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    VIDEO / “Il Comune di San Casciano dia un decoro al cimitero di Sant’Andrea a Novoli (Campoli)”

    "Vorrei porre all'attenzione della Curia e del Comune la necessità morale e storica di rispettare tutti quelli che sono stati seppelliti lì. O che magari sono ancora lì sotto"

    CAMPOLI (SAN CASCIANO) – Il video che vedete qui sopra lo ha girato Piero, il padre di Leonardo, un nostro lettore che dalle pagine del Gazzettino del Chianti intende sollecitare l’amministrazione comunale di San Casciano.

    L’oggetto della sollecitazione è il cimitero di Sant’Andrea a Campoli.

    “Intendo porre alla attenzione della Curia e del Comune – ci dice – la necessità morale e storica di rispettare tutti quelli che sono stati seppelliti lì. O che magari sono ancora lì sotto”.

    “La porta è aperta – aggiunge – L’accesso è libero, e credo che nel passato abbia subito anche depredazione, o almeno è plausibile visto lo stato di degrado”.

    “Si tratta – specifica – di una struttura di origine molto antica. Ci sono riferimenti a Sant’Andrea a Novoli di Campoli risalenti al XIV e XV secolo, ma forse anche da prima”.

    “Non è accettabile – dice ancora Leonardo – che una struttura così antica debba sopravvivere all’incuria ed al tempo in completo degrado”.

    “Chiedo rispetto per i morti – conclude – e per la gente che ha la sua storia in questo luogo”. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...