spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Operazione sotto gli occhi di tanti sancascianesi sulla bandiera posta dall’Accademia dei Perseveranti

    SAN CASCIANO – È tornata a sventolare la bandiera italiana sulla torre del Teatro Niccolini di San Casciano, dopo che qualche settimana fa a causa di un colpo di vento “anomalo” si era impigliata tra gli aghi appuntiti del parafulmine sistemato sul pennone.

     

    Sono stati i vigili del fuoco del distaccamento Firenze Ovest, arrivati con l’autoscala capace di estendersi fino a 37 metri, coadiuvati dal capo squadra del distaccamento di via La Farina che ha coordinato le manovre da terra, a "liberare" il tricolore.

     

    Caposquadra tra l’altro ben felice di questo servizio, poiché sancascianese e stimato per le varie operazioni che l’hanno visto impiegato in eventi eccezionali e particolarmente rischiosi.

     

    In pochi minuti due vigili del fuoco all’interno del cestello, sotto una pioggerella noiosa, hanno districato il tricolore che, seppur con qualche strappo, ha ripreso nella sua eleganza a sventolare.

     

    Non sono mancate le persone che in un primo momento non riuscivano a capire cosa mai stesse accadendo, ma appena l’operazione è andata a buon fine con spontaneità sono esplose in un applauso ai vigili del fuoco.

     

    A coordinare la viabilità gli agenti della polizia locale di San Casciano. Soddisfazione anche da parte dei membri dell’Accademia dei Perseveranti: l’iniziativa di installare il Tricolore, che inutilmente avevano tentato di liberare, è stata infatti proprio dell'Accademia.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...