domenica 29 Novembre 2020
Altre aree

    76esimo anniversario dell’eccidio di Pratale: ecco le iniziative previste a Barberino Tavarnelle

    Il 23 luglio '44 furono trucidati Livio Gori, Giuseppe Gori, Serafino Gori, Omero Gori, Marcello Gori, Bruno Gori, Giuliano Lotti, Carlo Lotti, Angiolo Cresti, Attilio Cresti, Oreste Cresti e Giuliano Raspollini

    TAVARNELLE (BARBERINO TAVARNELLE) – Si celebra quest’anno il 76esimo anniversario dell’eccidio di Pratale, dove 12 contadini furono trucidati dai soldati nazisti nel luglio 1944.

    Queste le iniziative promosse nel comune di Barberino TavarnellE’ giovedì 23 luglio la giornata di eventi, nel giorno esatto dell’anniversario, dedicata alla memoria dell’eccidio di Pratale.

    IL PROGRAMMA DEL 23 LUGLIO

    👉 Ore 9 a Pratale – Deposizione della corona al monumento ai caduti

    👉 Ore 17, presso le Pieve di San Pietro in Bossolo a Tavarnelle, Santa Messa in memoria delle vittime. Intervento di David Baroncelli, sindaco di Barberino Tavarnelle

    👉 Ore 18.30, sempre presso la Pieve di San Pietro in Bossolo a Tavarnelle, reading Collettivo “Il Sangue e l’erba”, un paese racconta. Coordinato da Massimo Salvianti. Produzione e organizzazione Arca Azzurra Eventi, con Emiliano Benassai alla fisarmonica, disegni di Lorenzo Bojola.

    Nell’eccidio vennero travolti dalle mitragliate naziste Livio Gori, Giuseppe Gori, Serafino Gori, Omero Gori, Marcello Gori, Bruno Gori, Giuliano Lotti, Carlo Lotti, Angiolo Cresti, Attilio Cresti, Oreste Cresti e Giuliano Raspollini.

    Qui riposano tre dei dodici martiri di Pratale

    Rimettendo insieme i tasselli di una vicenda ancora per molti sconosciuta, l’attore e regista Massimo Salvianti, ha ricostruito i momenti salienti della strage e le ripercussioni che causò nella vita civile.

    E nella quotidianità dei familiari sopravvissuti, i segni che lasciò nelle bimbe di allora strappate ai loro cari, Mirella Lotti Marcella Gori.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...