spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 9 Giugno 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’annuncio di Enrico Rossi: “La Toscana sarà la regione del farmaco per curare il Covid-19”

    "Un laboratorio di ricerca dentro la Fondazione Toscana Life Sciences, a Siena, svilupperà il farmaco; sarà poi Menarini, anch’essa toscana, a produrre i primi lotti"

    FIRENZE – “La Toscana sarà la regione del farmaco per curare la malattia Covid-19”.

    L’annuncio viene dato dal presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, a poche ore dalla visita in terra senese insieme al ministro della salute Roberto Speranza.

    “Sarà infatti un laboratorio di ricerca dentro la Fondazione Toscana Life Sciences – dice Rossi – a Siena, a sviluppare il farmaco. E sarà poi l’industria farmaceutica Menarini, anch’essa toscana, a produrre i primi lotti”.

    “Per questa iniziativa – dice con orgoglio il governatore regionale –  il centro regionale di ricerca si colloca nel mondo tra i primi dieci centri impegnati nella definizione di cure per Covid-19”.

    “Toscana Life Sciences – rivendica Rossi – è stata creata dalla Regione Toscana e dalle Università toscane a Siena, dove esiste una grande tradizione di ricerca farmaceutica”.

    “La Regione – ricorda – in questi anni è stata il maggior contributore pubblico a fondo perduto, con 35 milioni assegnati alla Fondazione”.

    “Ora – spiega – a Toscana Life Sciences lavorano 400 ricercatori che sono riferimento per le industrie farmaceutiche del mondo per il trasferimento tecnologico dei risultati delle ricerche”.

    “Il ministro Speranza – anticipa in conclusione Rossi – visiterà, oggi, con me, il centro e annuncerà lo stanziamento di 50 milioni da parte del Governo per lo sviluppo della cura. Vi terrò informati”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...